ULTIM'ORA

Lettura in corso:

LaTallinn Music Week


Cult

LaTallinn Music Week

Il festival Tallinn Music Week ha aperto le porte a euronews anche quest’anno.

Festival della cultura e della musica urbana(27 marzo -2 aprile) ha accolto quest’anno oltre 237 artisti giunti da ogni parte del mondo che hanno animato i più diversi angoli della città.

Euronews ne ha incontrato qualcuno, come “Mart Avi”:
https://tmw.ee/artists/mart-avi, estone di 25 anni:

“In scena interpreto vari personaggi, che mi suggeriscono storie diverse che non sono necessariamente storie mie personali”.

A infleunzarlo ci dice i grandi della musica:

“Bowie, Prince, Miles Davis. The best”.

Il terzo album di Mart Avi, “Rogue Wave”, è stato il più venduto dell’anno dopo Blackstar di David Bowie.

Dal genere pop a quello Folk. La passione per la musica popolare ha portato a una collaborazione estone belga che ha dato origine a un’insolita band, il quartetto “Estbel”:
http://estbel.be/en/band.

‎C Duncan di Glasgow è un altro figlio del festival Tallinn Music Week, il suo primo concerto qui risale a due anni fa; è tornato quest’anno con la sua band.

“Suono da quando ero piccolo, ho poi studiato musica e mi sono accorto che la musica pop è altrettanto divertente, una volta finita l’università mi sono detto: è quello che voglio fare, lo faccio usando la mia formazione classica”.

Il suo secondo album “The Midnight Sun”:
http://diymag.com/2016/10/04/c-duncan-the-midnight-sun-album-stream-premiere è uscito qualche mese fa.

Per chi volesse scoprirlo o riscoprirlo sarà in tournée nel “Regno Unito”:
http://c-duncan.co.uk/ a maggio con la band Elbow.

E infine la magia di “Hauschka”:
https://hauschka.bandcamp.com/, Volker Bertelmann il suo vero nome.

Il pianista tedesco ha ricevuto una nomination per gli “Oscar”:
http://ventsmagazine.com/2017/01/25/hauschka-nominated-oscar/ per la colonna sonora del film Lion.

Euronews ha seguito il festival “Tallinn Music Week”: http://www.euronews.com/2016/04/05/tallinn-festival-celebrates-fusion-of-music-from-around-the-world sin dall’inizio.
Il Festival vede la luce nel 2015

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Cult

L'ambizione sconfinata dei selfie