ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il n° 2 dell'Isil in Iraq morto in un bombardamento secondo l'intelligence irachena


Iraq

Il n° 2 dell'Isil in Iraq morto in un bombardamento secondo l'intelligence irachena

Il n° 2 dell’Isil in Iraq, Ayad al-Jumaili sarebbe rimasto ucciso in un bombardamento dell’aviazione irachena ad Al Qaim, vicino al confine con la Siria, secondo il portavoce dei servizi segreti di Baghdad. La notizia è stata data anche dalla tv irachena.

Nel paese mediorientale infuria la battaglia per liberare Mosul , bastione del sedicente Stato islamico, lalocalità da dove il leader Abu Bakr Al Baghdadi aveva lanciato il suo califfato, tre anni fa.

La lotta contro l’Isil si concentra oggi su Raqqa, in Siria, e appunto a Mosul in Iraq, anche se, secondo lo stato maggiore iracheno, Al Baghdadi non si troverebbe più a Mosul, ma sarebbe scappato nel deserto.

Le Nazioni unite stimano a quasi 290mila le persone scappate per sfuggire ai combattimenti. I morti civili dall’inizio dell’offensiva sarebbero 229.

Uno dei profughi dice:

Siamo fuggiti dagli attacchi aerei e dalla fame. Un chilo di grano a Mosul costa un milione di dinari, un chilo di zucchero quasi 25mila dinari. L’Isil ci ha umiliato. Una guerra così non l’avevamo mai vista.

Facendo il cambio, vuol dire che, nella città assediata, un kg di grano costa circa 850 euro e un kg di zucchero quasi 20 euro.

Federazione russa

È morto il poeta russo Evgheni Evtushenko