ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Brexit: faccia-a-faccia fra Theresa May e premier scozzese


Regno Unito

Brexit: faccia-a-faccia fra Theresa May e premier scozzese

In Scozia la premier britannica ha incontrato Nicola Sturgeon. A due giorni dall’attivazione della procedura di Brexit, Theresa May tenta di convincere la leader indipendentista che non è “il momento giusto” per indire un secondo referendum. Il Parlamento scozzese si pronuncia tra poche ore su una nuova richiesta di consultazione popolare, il voto è stato rinviato la scorsa settimana in seguito all’attentato a Westminster.

“Avevo avuto l’impressione, sulla base di notizie diffuse dalla stampa, che lei venisse a offrire qualcosa in termini di maggiori poteri, ma non è così. Quindi non c‘è alcuna garanzia reale che dopo la Brexit non ci sarà una centralizzazione del potere a Westminster”, dice Nicola Sturgeon.

Londra è pronta ad attivare l’articolo 50 del Trattato di Lisbona per avviare formalmente il processo di uscita dall’Unione europea. “Il Regno Unito lascia l’Unione europea e noi avremo un nuovo ruolo nel mondo, la forza e la stabilità della nostra unione diventeranno ancora più importanti”, ha detto la premier britannica Teresa May che porta avanti la sua campagna per l’unità post-Brexit.

Impossibile evitare le turbolenze di NordIrlanda e Scozia che al referendum di giugno hanno votato in maggioranza per restare nell’Unione Europea. In Scozia un nuovo voto per l’indipendenza potrebbe esserci già alla fine del 2018.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Australia

Australia: il "Jurassic Park" più vario al mondo