ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Tokyo e Bruxelles di nuovo vicine contro le minacce protezioniste e le tensioni militari


Redazione di Bruxelles

Tokyo e Bruxelles di nuovo vicine contro le minacce protezioniste e le tensioni militari

Europa e Giappone più vicini per stringere un nuovo accordo politico e commerciale.
Gli impegni presi con il Primo Ministro giapponese in visita a Bruxelles martedi si sono concentrati sulla difesa e la non proliferazione nucleare come ha affermato il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker. “Ho ribadito l’impegno verso il Primo Ministro Abe – ha dichiarato alla stampa – circa le violazioni da parte della Corea del Nord delle risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Continueremo ad attuare le risoluzioni dell’ ONU e a prendere in considerazione ulteriori misure restrittive necessarie per fare pressione “.
L’apertura dell’Europa al Paese del Sol Levante è stata accolta con entusiasmo da premier giapponese, che sottolineato l’importanza di un accordo di libero scambio per frenare le derive protezioniste.
Per Shinzo Abe “avanzando insieme il Giappone, l’Unione europea e gli Stati Uniti dovrebbero, mano nella mano, continuare il lavoro per mantenere e rafforzare un assetto internazionale libero e aperto e oggi desidero riaffermarlo davanti ai presidenti Tusk e Juncker”.
I negoziati continueranno ad aprile con l’obiettivo di arrivare ad un accordo entro la fine dell’anno, come spiega la nostra corrispondente da Bruxelles, Isabel Marques Da Silva.
“Dopo aver annullato il vertice annuale tradizionale l’anno scorso, l’Unione europea e il Giappone cercano adesso di ravvivare i negoziati per un accordo commerciale e politico. Il Giappone dovrà stare molto attento per evitare che i termini e le condizioni dell’accordo non offendano gli Stati Uniti il loro partner principale nella difesa contro le ambizioni militari della Cina e di una Corea del Nord sempre più aggressiva”

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Redazione di Bruxelles

Verso il giorno fatidico per la Brexit