ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Elezioni politiche in Olanda: il duello in tv tra i due favoriti è quasi una lite


Paesi Bassi

Elezioni politiche in Olanda: il duello in tv tra i due favoriti è quasi una lite

Lui è il primo ministro olandese in carica, il candidato del partito conservatore Mark Rutte, l’altro è Geert Wilders, candidato del partito sovranista. Nei sondaggi in vista delle politiche olandesi di mercoledí, è secondo, appena sotto il premier uscente. Nell’ultimo dibattito televisivo, si sono sfidati all’ultimo sangue. Anche sull’uscita dell’Olanda dall’Unione europea:
“Tu vuoi Nexit, vuoi l’Olanda fuori dall’Europa. Sai che costerà un milione e mezzo di posti di lavoro e tanto caos, come in Gran Bretagna per Brexit. Tu vuoi spingere l’Olanda nel caos, non farlo. Spero sinceramente che il tuo non sarà il primo partito, che non formerai un governo, lotterò duramente perché non accada, sarebbe una pessima notizia se succedesse” – ha detto Rutte.

“Nexit è quanto di meglio possa accaderci. Saremo padroni in casa nostra. Avremo in mano le chiavi della porta di casa. Piace a qualcuno non avere in mano le chiavi di casa propria? Non poter selezionare gli ospiti a cui cederle? Abbiamo fatto bene i conti insieme a un’agenzia pluripremiata: la nostra economia decollerebbe, avremmo più potere d’acquisto e più posti di lavoro” – ha replicato Wilders.

Cosa dicono i sondaggi:http://it.euronews.com/2017/03/08/olanda-a-pochi-giorni-dal-voto-il-populista-wilders-contro-erdogan

In un Paese l’Olanda, dove circa un quinto della popolazione è di religione islamica, Wilders propone anche il bando del Corano e lo stop all’ingresso dei musulmani. Rutte durante il dibattito ha auspicato che i Paesi Bassi siano i primi a bloccare il fenomeno del cattivo populismo, a fermare l’effetto domino che ha già travolto Gran Bretagna con Brexit e Stati Uniti con Trump. Stando ai sondaggi entrambi i candidati hanno giovato dello scontro diplomatico con la Turchia dopo il divieto dei comizi pro Erdogan.

Federazione russa

Eurovision a Kiev: Mosca sceglie una cantante bandita dall'Ucraina