ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ungheria: l'uomo di Orban rieletto Presidente della Repubblica


Ungheria

Ungheria: l'uomo di Orban rieletto Presidente della Repubblica

Il Parlamento ungherese ha eletto il Presidente della Repubblica; con 131 voti su 199 deputati ricoprirà l’incarico per un altro quinquennio, il Presidente uscente Janos Ader , 57 anni, candidato del premier Viktor Orban. L’elezione è avvenuta a maggioranza semplice al secondo turno. Per Ader hanno votato solo i deputati di Fidesz , il partito di Orban che Ader ha contribuito a fondare. Ecco cos’ha detto il Presidente prima di essere rieletto:
“Mi piacerebbe continuare il mio lavoro in continuità con i valori e i principi in cui ho creduto cinque anni fa. Allora dissi qui in Parlamento che come presidente sarei stato il portavoce degli interessi e dei valori dell’Ungheria, sia dentro che fuori il Paese”.
Sconfitto il candidato dell’opposizione di centro-sinistra; giurista, ex presidente dell’autorità per l’emittenza radio-televisiva nazionale, Laszlo Majtényi ha ottenuto 39 voti. Majtenyi fino alla candidatura è stato a capo di un istituto di studi politici, fondato dal magnate ultra-miliardario George Soros. Per questo gli è stata affibiata l’etichetta, da lui sempre rigettata, di candidato di Soros.
“E’ stata un’eccezionale opportunità parlare di un’ Ungheria libera, del futuro della quarta repubblica che guarda a tutti i singoli cittadini come a persone con uguale dignità, dove istituzioni indipendenti controllano lo Stato e dove queste stesse istituzioni proteggono diritti e interessi dei cittadini” – ha detto Majtényi ai microfoni di Euronews.
Al voto parlamentare per l’elezione del presidente della Repubblica ungherese non ha partecipato il partito di ultra-destra Jobbik. Cosa si prospetta per il futuro?
Andrea Hajagos, giornalista euronews: “Riguardo le questioni politiche davvero importanti per l’Ungheria, Ader non ha espresso grande interesse durante il suo mandato. Molti si aspettano che continui su questa linea almeno per il prossimo anno, e fino alle prossime elezioni politiche”.

Storie correlate: