ULTIM'ORA

Lettura in corso:

"Personal Shopper": fantasmi e alta moda per Olivier Assayas


cinema

"Personal Shopper": fantasmi e alta moda per Olivier Assayas

Al Festival di Cannes ha diviso i critici: è Personal Shopper, il nuovo film di Olivier Assayas che ha scelto nuovamente di lavorare con Kristen Stewart, l’icona di Twilight. Dopo Sils Maria con Juliette Binoche, questa pellicola è un mix di generi: dramma psicologico, thriller, fantasy, come spiega il regista stesso.

“Volevo raccontare la storia di qualcuno che ricomincia da capo, qualcuno che cerca di rifarsi una vita dopo un lutto, mi sono sentito come i pittori: loro usano i colori di cui hanno bisogno e li utilizzano dove meglio credono, ho avuto l’impressione di fare un collage usando tutti gli strumenti che avevo a disposizione, tutti i mezzi stati ottimi per esprimere quello che ho volevo trasmettere allo spettatore”, racconta Olivier Assayas.

Maureen è la “Personal Shopper” di una celebrità della moda. La storia è ambientata a Parigi dove il fratello gemello è morto per una malattia. Lei non riesce a darsi pace e vive alla ricerca costante di un suo segnale dall’aldilà …“Si tratta di personaggio molto solo, lei però è disponibile a comunicare con ciò che non c‘è più, il suo ragazzo vive e lavora in Oman è una relazione basata su Skype. Continua a fare ricerche su internet su come mettersi in contatto con il fratello, un modo anche per non dimenticare”, prosegue il regista.

Scopriamo allora che i due erano medium e che si sono fatti una promessa: il primo che fosse morto avrebbe contattato l’altro dall’aldilà. Il film racconta l’attesa di questo contatto con la protagonista, una straordinaria Kristen Stewart. “Lei ha ispirato tutto il film. Questa è la realtá, la pellicola ruota attorno a questo personaggio. Ritengo che lei mi abbia davvero dato la capacità di fare questo film, mi spiego meglio. Non credo mi sarei mai avventurato in un progetto simile senza di lei, in una storia che ha a che fare con l’invisibile, dove devo trattare di cose astratte. Non l’avrei mai fatto se non avessi saputo di avere un’attrice come lei che riesce a dare un senso reale a quello che fa, in modo incredibile e realistico”, conclude Olivier Assayas.

Il film, premiato per la miglior Regia a Cannes, uscirà in Germania il 19 gennaio, in Gran Bretagna il 17 marzo, ed prossimamente anche in Italia.

La nostra scelta

Prossimo Articolo
Il film "Chez nous" fa arrabbiare Marine Le Pen

cinema

Il film "Chez nous" fa arrabbiare Marine Le Pen