ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ankara/L'Aja, la Turchia reagisce e scende in piazza


Turchia

Ankara/L'Aja, la Turchia reagisce e scende in piazza

Forte la reazione del popolo turco alla crisi diplomatica in atto tra Ankara e L’Aja. La gente si è riversata nella piazza antistante l’Ambasciata olandese nella capitale per manifestare il proprio sdegno dopo che al ministro degli Esteri turco e alla titolare del ministero della Famiglia è stato impedito di raggiungere Rotterdam per tenere un comizio a sostegno di Erdogan. Un portavoce del governo spiega il perchè la gente ha deciso di scendere in piazza al termine di questa convulsa giornata: “La nostra gente si è raccolta qui contro il comportamento del governo olandese nei confronti delle autorità turche. Un comportamento irrazionale, non etico, e contro le regole diplomatiche”.
Manifestazioni di piazza anche ad Istanbul. Intanto Cavusoglu ha parlato in un messaggio tv alla nazione promettendo conseguenze molto gravi per l’Olanda. Uno dei manifestanti di Istanbul spiega come si sente: “Cosa penso di questo? Questa è una vergogna per l’Europa, una vera vergogna.
E’ il momento in cui la democrazia ha toccato il fondo. E’ inaccettabile che un ministro turco, o qualsiasi ministro, venga trattato così”.

Per le strade intanto gli ultranazionalisti si dicono pronti a morire per il loro Paese e il loro presidente. Le sedi diplomatiche dei Paesi Bassi in Turchia sono state chiuse e le misure di sicurezza rafforzate nei loro immediati dintorni.

Alta tensione tra L'Aja e Ankara: anche al ministro della Famiglia della Turchia viene impedito di accedere a Rotterdam

Paesi Bassi

Alta tensione tra L'Aja e Ankara: anche al ministro della Famiglia della Turchia viene impedito di accedere a Rotterdam