ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Città di Lione, leader d'impresa


business planet

Città di Lione, leader d'impresa

Serge Rombi, euronews: “Buongiorno! Business Planet è andata presso la Now Coworking a Lione. Lione è la seconda roccaforte dell’imprenditoria francese. Siamo con Raddouane Ouama, il coordinatore di Lione città imprenditoriale, un rete molto attiva qui”.

L’industria dei dispositivi sanitari in Europa

  • Il settore dei dispositivi sanitari dell’Unione Europea è un leader globale con un fatturato totale di 100 miliardi di euro l’anno e rappresenta il 30% del mercato mondiale.
  • In Europa il settore dei dispositivi sanitari medici impiega almeno 500 000 persone. Circa il 95% delle aziende del settore sono piccole e medie aziende.
  • Si tratta di un’industria altamente innovativa: ogni anno fino al 10% delle vendite annuali sono re-investite nella ricerca. Ogni 50 minuti un nuovo brevetto europeo viene repertoriato.
  • “Lyon Ville de l’Entrepreneuriat” ha vinto nel 2016 l’ European Enterprise Award Promotion nella categoria “Promuovere lo spirito imprenditoriale”. Il riconoscimento premia coloro che promuovono l’imprenditorialità e le piccole imprese a livello nazionale, regionale e locale.

Link utili

Raddouane Ouama, coordinatore di “Lyon Ville de l’Entrepreneuriat”: “La nostra ambizione è duplice. Da una parte promuovere l’imprenditorialità e dall’altra aiutare le aziende a crescere. La rete conta su 50 partner, 200 esperti, e accompagna ogni anno piu’ di 15.000 imprenditori”.

Andiamo a vedere un esempio concreto, una piccola media impresa lionese diventata campionessa dell’innovazione nel settore sanitario. Guardate.

Questa è una vera rivoluzione nel trattamento del glaucoma. La malattia provoca la distruzione progressiva dell’occhio. Questa è una delle principali cause di cecità al mondo.

Il medico utilizza uno strumento unico al mondo. Una tecnica che funziona con ultrasuoni ed evita al paziente la chirurgia invasiva.

(le immagini che adoperiamo sono una gentile concessione di Pr Florent Aptel / CHU of Grenoble)

Abbiamo parlato col cofondatore dell’“azienda”:http://www.eyetechcare.com/en/ autore dell’invenzione.

FABRICE ROMANO, cofondatore di EYE TECH CARE: “Sapere che ogni giorno ci sono pazienti nel mondo ai quali riusciamo a preservare la vista evitando loro di diventare ciechi per me rappresenta un successo totale”.

Piu’ del 50% della cifra d’affari di questa PME viene reinvestito nella ricerca, il prodotto si è evoluto dal suo lancio nel 2013. Dopo la sua commercializazione in Europa sta per sbarcare in India e Cina.

DIETRICH WOLF, Direttore di EYE TECH CARE: “Il mercato mondiale del glaucoma, nel suo insieme, ha un valore di circa 5 miliardi di euro. In termini di pazienti ci sono circa 120 milioni di persone in tutto il mondo col glaucoma, un quarto sono in Cina”.

Agli esordi la società ha ricevuto aiuti finanziari ed è stata ospitata per un anno in uno degli incubatori della rete di Lione. Questo le ha permesso di ottenere i primi brevetti e organizzare la raccolta fondi, quindi di approdare al mercato.

FABRICE ROMANO: “L’aspetto notevole sta nel fatto che la rete imprenditoriale di Lione sia molto efficace e che tutti i suoi membri interagiscano bene gli uni con gli altri. Quando sorge un problema, ci si pone una domanda, qualcuno nella rete ha la risposta e la si trova in fretta!”

Serge Rombi: “Ritorniamo da Raddouane. Abbiamo visto questo esempio: non è un caso che questa azienda sia oggi dove sia…”

Raddouane Ouama: “Si’. Il settore sanitario è uno dei poli d’eccellenza guidati da grandi operatori storici certo, ma anche da molte piccole e medie imprese, innovative ed estremamente agili”.

In Europa l’industria legata alla sanità impiega 500.000 persone. Al 95% è composta da piccole e medie imprese.
Quanto alla rete lionese ha ottenuto quest’anno uno dei premi europei per la promozione dello spirito imprenditoriale (European Enterprise Promotion Awards) della Commissione Europea

Serge Rombi: “Raddouane, sono 15 anni che voi accompagnate gli imprenditori e l’idea è quella di allargare il concetto a livello europeo, no?”

Raddouane Ouama: “Sì, vorrei fare appello a tutte le città europee disposte ad unirsi a noi per condividere le nostre esperienze e svilupparle a livello europeo, insomma un ecosistema ancora più potente”.

Serge Rombi: “L’appello è fatto. Molte grazie Raddouane. Maggiori informazioni sulla pagina web di Business Planet e sulle nostre reti social. Alla prossima puntata!”

business planet

Brno, la Silicon Valley dell'Europa Centrale