ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Regno Unito: Pil 2017 rivisto al rialzo, Hammond annuncia taglio Corporate Tax


Business

Regno Unito: Pil 2017 rivisto al rialzo, Hammond annuncia taglio Corporate Tax

Il Regno Unito rivede al rialzo le previsioni di crescita del Pil per il 2017. Durante la presentazione della prima manovra finanziaria dopo il referendum sulla Brexit, il ministro delle Finanze, Philip Hammond si mostra più ottimista, ma fa appello alla cautela.

Il surplus di crescita dovrebbe consentire di risparmiare 16 miliardi di euro in emissioni di titoli di Stato.

“Analizzando il ritrovato vigore dell’economia, l’Ufficio delle analisi economiche ha aggiornato le sue previsioni di crescita per quest’anno dall’1,4% al 2%”, ha detto Hammond in parlamento.

Ma l’esuberanza del 2017 verrà seguita da una dinamica che la stessa Londra prevede più sommessa negli anni successivi: +1,6% nel 2018, + 1,7% nel 2019 (con le previsioni riviste al ribasso rispetto al precedente +2,1%). Solo nel 2021 si ritornerà a un crescita del 2%.

“Un’economia forte ha bisogno di un sistema fiscale equo, stabile e competitivo, per garantire quella crescita che sosterrà la nostra prosperità negli anni a venire”, ha aggiunto il Cancelliere dello Scacchiere.

La manovra dispone un aumento della pressione fiscale per i lavoratori autonomi e avvia la riduzione della Coporate Tax, la tasse sulle imprese: dovrebbe scendere al 19% quest’anno e al 17% nel 2020.

“Per rendere il Regno Unito ancora più attraente nei settori della ricerca e dello sviluppo, abbiamo accettato l’invito degli industriali a ridurre gli oneri amministrativi sui vari programmi”, ha concluso Hammond.

Il governo britannico sta predisponendo anche un ‘fondo di riserva’ per le possibili incognite economiche che possono sorgere con la Brexit di circa 26 miliardi di sterline.