ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ma il volo era in orario?


Boarding Pass

Ma il volo era in orario?

In partnership con

JULIÁN LÓPEZ GÓMEZ, EURONEWS
“L’anno scorso quasi il 10 per cento dei circa 10 milioni di voli attraverso l’Europa ha avuto un ritardo di almeno mezz’ora. E’ una questione delicata, non solo per i passeggeri ma anche per le compagnie aeree, i controllori del traffico aereo e per l’ambiente. Cosa può essere fatto per migliorare la situazione?”

Meteo, scioperi, problemi tecnici, carenze operative negli aeroporti o in volo…le cause dei ritardi sono diverse. Le conseguenze sono difficili per tutti.

L’anno scorso almeno il 10% dei voli in Europa ha avuto mezz’ora di ritardo nonostante gli sforzi dell’insieme del comparto.

La britannica Thomas Cook Airlines sostiene per esempio che l’anno precedente i ritardi avevano una durata media di soli 17,6 minuti. Ma si puo’ sempre migliorare come sostiene un pilota veterano.

ANDREW THORINGTON, PILOTA: “L’incremento dei ritardi lo vediamo negli aeroporti che operano al massimo della capacità e basta un piccolo impatto per generare un effetto a cascata che investe diverse compagnie, non soltanto la nostra”.

Gli aerei vengono accuratamente controllati in modo da non causare ritardi per motivi tecnici. Tuttavia certi ritardi dipendono dalle compagnie aeree. Per evitarli c‘è bisogno di collaborazione.

CHRIS WOODLAND, MANAGER di THOMAS COOK GROUP:
“I ritardi ci saranno sempre ma dipende anche da come li si gestisce e dagli strumenti che abbiamo per gestirli. Siamo in contatto con EUROCONTROL. Si puo’ ragionare sui ritardi maggiori e su cosa si possa fare… gli strumenti che attualmente abbiamo sviluppato sono quelli degli scambi di slot fra gli aerei e le compagnie, questo per non intaccare l’operatività della rete”.

E’ in queste sale che in collaborazione con i controllori di volo EUROCONTROL opera per ridurre al massimo i ritardi dei voli: una sfida quotidiana.

Questa animazione mostra in rosso la distribuzione dei voli in ritardo lungo un’intera giornata.

BRIAN FLYNN, responsabile della divisione performance di EUROCONTROL: “Le compagnie aeree operano a stretto contatto con noi. Abbiamo 2000 collegamenti con tutte le diverse compagnie e gli aeroporti in tutta Europa. Se hanno un minimo problema per caricare un volo chiedono una dilatazione del tempo per le operazioni di partenza. Noi aiutiamo le compagnie a rispettare gli orari e a far si’ che i passeggeri attraversino in sicurezza tutte le fasi “.

EUROCONTROL opera inoltre per garantire che il trasporto aereo abbia il minor impatto ambientale possibile e quindi nel rintracciare le rotte meno inquinanti e dando ai passeggeri un servizio più sostenibile.

PILOTA della THOMAS COOK AIRLINES: “Gli ospiti vogliono andare in vacanza o tornare dalle vacanze, sui servizi di linea…ed è importante garantire una qualità di servizio che impressioni la clientela e che la invogli a tornare da noi”.

Si punta a mantenere la qualità in termini di sicurezza, capacità, efficacia ambientale del volo e buon rapporto qualità prezzo. Il tutto volando in orario.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Boarding Pass

Volare "verde": più efficienza e collaborazione per meno emissioni e meno rumore