ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Quali sono i paesi più sportivi d'Europa?


Mondo

Quali sono i paesi più sportivi d'Europa?

Lo sport e l’attività fisica dovrebbero essere una parte fondamentale della vita di milioni di europei. Ma quali sono i paesi che si muovono di più? Lo rivelano gli ultimi dati Eurostat riferiti al 2014.

  • Sport e istruzione, uomini e donne: dati a confronto *

La metà (49,8%) della popolazione a partire dai 18 anni di età nell’Unione europea (UE) non ha fatto nessun sport, solo un terzo (29,9%) ha trascorso almeno due ore e mezzo a settimana del proprio tempo libero facendo attività fisica nel 2014. Andare in bicicletta fa parte dell’attività motoria.

Tra chi fa almeno due ore e mezzo a settimana di sport, spiccano gli uomini (34,5%) che se la cavano meglio delle donne (25,6%). La percentuale di tempo dedicato all’esercizio fisico diminuisce con l’età e aumenta con il livello di istruzione delle persone.

In Europa il 40,5% dei cittadini con un livello alto di istruzione ha trascorso almeno due ore e mezza alla settimana facendo attività fisica, quelli con un basso livello di istruzione sono meno di un quarto (19,2%).

  • OMS: venti minuti al giorno tolgono il medico di torno *

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, con le nuove Linee guida per l’attività fisica 2016-2020, raccomanda almeno150 minuti a settimana di attività fisica per gli adulti e 60 minuti al giorno per bambini e giovani. Non fare movimento è uno dei maggiori fattori di rischio per la salute. Molti paesi hanno visto crescere le percentuali di persone sovrappeso e obese negli ultimi decenni. I “dati sono allarmanti”: http://ec.europa.eu/eurostat/documents/2995521/7700898/3-20102016-BP-EN.pdf/c26b037b-d5f3-4c05-89c1-00bf0b98d646 un adulto su sei in Europa è obeso.

  • Nord e Sud, Europa tra sportivi e sedentari*

Nell’Unione europea la percentuale più alta di persone che fa almeno due ore e mezza a settimana di attività fisica si trova in Finlandia (54,1%), Danimarca (53,4%), Svezia (53,1%), Austria (49,8%) e Germania (47,3%). All’estremo opposta della classifica si trovano Romania (7,5%) e Bulgaria (9%). Anche gli italiani sono tra più sedentari con una percentuale intorno al 17%.