ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Corea del Sud, un milione in piazza per chiedere le dimissioni della Presidente


Corea del Sud

Corea del Sud, un milione in piazza per chiedere le dimissioni della Presidente

Un altro fine settimana di proteste Corea del Sud per chiedere l’uscita di scena definitiva della presidente sudcoreana Park Geun-hye, coinvolta in uno scandalo di corruzione.

Quasi un milione di persone sono scese in piazza a Seul, una scesa vista diverse volte in questi ultimi mesi in attesa della sentenza definitiva della Corte costituzionale. La presidente è accusata di collusione insieme alla sua ex collaboratrice. Secondo gli investigatori hanno fatto pressioni su grandi aziende affinché facessero donazioni a due fondazioni istituite per sostenere le sue iniziative politiche.

“Sono venuto qui per la rabbia che nutro verso la presidente che ha preso in giro tutti noi con le sue continue menzogne. Anche la Corte costituzionale deve decidere in fretta, non può restare”, fa notare un manifestante. “Sarebbe stato meglio se non fosse successo questo scaldalo, perché ora la gente ha meno fiducia nella politica e nei suoi rappresentanti. A volte penso che dovrebbe essere il popolo a giudicare se mettere sotto accusa o meno la classe dirigente”, sottolinea un altro giovane sceso in piazza.

La Corte Costituzionale dovrebbe esprimersi sull’impeachment entro il 13 marzo prima che la Presidente esaurisca il suo mandato. Sui nove componenti, uno deve essere ancora nominato, mentre per il via libera alla messa in stato d’accusa sono necessari almeno 6 voti.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Paesi Bassi

Olanda, "non graditi" gli eventi pro-referendum in Turchia. Sempre più accesi i toni tra Berlino e Ankara