ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Al MWC di Barcellona c'è il robot fattorino che risponde e dà consigli


Sci-tech

Al MWC di Barcellona c'è il robot fattorino che risponde e dà consigli

In partnership con

Come ci si aspettava anche quest’anno le compagnie telefoniche hanno presentato i loro ultimi modelli alla fiera di telecomunicazioni ‘Mobile World Congress’ di Barcellona. Huawei punta a fare la parte del leone con il P10 e P10 plus in assenza di prodotti analoghi di Samsung e Apple.

Ma a rubare la scena a tutti per il momento è stat la Nokia che ha riproposto il 3310, il cellulare che con 126 milioni di pezzi venduti ha battuto tutti i record di vendita nel settore.

‘Mobile World Congress’, tuttavia, non è solo smartphone ma anche le tecnologie del futuro come l’internet delle cose, cioè il controllo remoto di strumenti casalinghi, che ci cambierà la vita; ovviamente con connessione 5G.

Matt Branda, direttore di 5G Technical Marketing Qualcomm: “Non solo le persone ma anche il mondo intorno a noi: veicoli, droni, dispositivi per la salute, tutto sarà connesso con la rete 5G”.

La realtà aumentata, il tridimensionale, ricadono generalmente nell’ambito del gioco ma in realtà possono essere utili ad altri scopi, per esempio in sanità. Questo visore tridimensionale permette agli studenti di medicina di andare dentro al corpo umano e di sentirlo con le diverse consistenze”.

Chris Scattergood, fondatore di VR Fundamental: “Abbiamo integrato dei dispositivi per creare un nuovo strumento utile durante le operazioni e non solo, riesce a sentire le differenze tra osso e carne e tra tutti gli altri tipi di tessuto”.

Alla fiera di Barcellona c‘è anche Pepper, un attraente e super-resitente fattorino; è dell’ultima generazione di robot di Softbank. È in grado di analizzare gli stati d’animo dei suoi interlocutori e anche di dare consigli di lettura

Nicolas Boudot, direttore comparto vendite di Softbank Robotics: “Questi robot si comportano come degli esseri umani, col linguaggio del corpo riescono ad attirare l’attenzione delle persone, hanno atteggiamenti proattivi. Il risultato di tutto questo è che abbiamo già istallato 10mila robot in hotel, spazi di accoglienza e costumer care: spiegano prodotti e servizi”.

I robot e i droni promettono di semplificarci la vita. I droni, ad esempio, sono diventati importantissimi nelle operazioni di salvataggio in caso di crisi.

Caroline Briggert, capo di Stakeholders relations: “Se hai bisogno di trovare una persona scomparsa puoi usare una telecamera termica, settarla sulla temperatura corporea e cercare. In questo modo si possono setacciare vaste aree più rapidamente e poi focalizzarsi sull’operazione di salvataggio. Il drone è molto utile per l’ispezione di strutture verticali come turbine a vento e ripetitori. È molto comodo anche per gli architetti e i costruttori quando devono monitorare lo stato di avanzamento dei lavori”.

Nei prossimi anni dovremo essere pronti per auto senza conducente, case super-connesse e smart cities.

Cristina Giner, giornalista Euronews: “E comunque anche se gli smartphone, la tecnologia e la iper-connettività stanno cambiando le nostre vite, una delle attività più importanti di questa fiera sono gli incontri faccia a faccia con le compagnie che cercano di chiudere accordi commerciali”.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Sci-tech

Dal super-smartphone all'auto senza conducente, 5G è la rete del futuro