ULTIM'ORA

Israele. Netanyahu criticato per la gestione della guerra a Gaza nel 2014

Un rapporto del Controllore dello Stato Yosef Shapira evidenzia falle ed errori dell'offensiva militare contro Hamas che costò la vita a oltre 2.000 palestinesi e 74 israeliani

Lettura in corso:

Israele. Netanyahu criticato per la gestione della guerra a Gaza nel 2014

Dimensioni di testo Aa Aa

Il Premier israeliano Benyamin Netanyahu duramente criticato da un atteso rapporto del Controllore dello Stato Yosef Shapira sul modo in cui venne condotta a Gaza l’operazione militare contro Hamas, nel 2014.

Falla principale: la sottovalutazione dei tunnel sotterranei costruiti da Hamas. Al centro delle critiche anche l’ex-Ministro della Difesa Moshe Yaalon e l’ex-Capo di Stato Maggiore Beny Gantz. Netanyahu si era così difeso alla vigilia della pubblicazione del rapporto:

“Abbiamo attaccato duramente Hamas, uno dei colpi più duri che abbiano mai subito. Abbiamo ucciso un migliaio di terroristi di Hamas, colpito i suoi leader militari, colpito le sue fondamenta, abbiamo agito con forza, responsabilità e nella piena collaborazione tra il livello politico e quello militare. Mai un governo israeliano aveva seguito così da vicino e con piena informazione un’operazione del genere” aveva detto Netanyahu in conferenza stampa lunedì 27 febbraio.

Il rapporto critica in particolare la mancanza di preparazione a livello militare e la scarsa comunicazione tra intelligence e governo. In particolare, i bombardamenti israeliani non ottennero lo scopo, cruciale, di neutralizzare i tunnel usati da Hamas. Il conflitto costò la vita a oltre 2.000 palestinesi e a 74 militari e civili israeliani.