ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Ancora un altro muro ai confini dell'Europa


Redazione di Bruxelles

Ancora un altro muro ai confini dell'Europa

Il via libera alla Brexit è ancora in discussione al parlamento britannico.
La camera dei lord a ricominciato a esaminare il progetto di legge che permette di iniziare i negoziati sull’uscita del Regno Unito dall’Unione europea. Le discussioni proseguiranno fino a mercoledì.
Sembra poco probabile che la camera alta rigetti il testo, tuttavia le difficoltà potrebbero riguardare il destino dei cittadini dell’UE nel Regno Unito. Il primo ministro britannico, Theresa May, si rifiuta di garantire loro alcuni diritti fino a quando non avrà ottenuto le stesse condizioni per i cittadini britannici che vivono negli Stati membri.

L’Ungheria vuole dimostrare doppiamente la sua fermezza nella politica migratoria. Il governo conservatore è stato il primo nel 2015 ad erigere un muro in risposta alla crisi dei rifugiati. Ora sta avviando la costruzione di un nuovo muro di filo spinato.

Uno dei leader della missione OSCE in Ucraina si trovava ieri a Bruxelles. Lo scopo del viaggio di Alexander Hug del era quello di ottenere il sostegno finanziario dell’Unione europea per porre fine alla violenza tra le forze ucraine ed i separatisti. Il conflitto ha fatto molte vittime tra i civili, spiega il rappresentante della Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa.

I 28 ministri dell’ambiente si incontrano oggi a Bruxelles. Si discuterà del sistema di scambio delle quote di emissione di gas serra. Questo dispositivo è un importante strumento dell’Unione europea nella lotta contro i cambiamenti climatici.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Redazione di Bruxelles

L'Ungheria costruisce un secondo muro al confine con la Serbia