ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Juncker sulla Brexit: Londra deve aspettarsi un conto salato


Redazione di Bruxelles

Juncker sulla Brexit: Londra deve aspettarsi un conto salato

Londra dovrà metter mano al portafoglio, lo ha affermato Jean Claude Juncker, martedi davanti al parlamento belga. Per il presidente della Commissione europea i negoziati per la Brexit “non saranno a costo ridotto o costo zero. I britannici devono rispettare gli impegni presi e il conto sarà salato, anzi molto salato”.

Secondo indiscrezioni, Bruxelles potrebbe esigere dal Regno Unito il pagamento di una sorta di fattura per l’uscita dal’UE pari a circa 60 miliardi di euro. Una cifra corrispondente agli impegni precedentemente presi da Londra circa il suo contributo al bilancio dell’Unione europea. Sebbene la Commissione europea non abbia ufficialmente confermato questo ammontare, le affermazioni di Juncker fanno presagire un vero e proprio salasso.

Il primo ministro Theresa May si è impegnata ad attivare l’articolo 50 entro il 31 marzo per dar via ai successivi due anni di negoziati necessari per divorziare dall’ UE.
Ma dall’altra parte della Manica in pochi condividono l’ottimismo della May.
“Ci vorranno anni per l’UE per concordare i termini di uscita e per concordare la futura architettura dei rapporti tra il Regno Unito e l’Unione europea” ha ribadito martedi Juncker.
Questa settimana alla Camera dei Lord del Parlamento britannico si sta svolgendo l’analisi del disegno di legge che autorizza l’avvio della Brexit, già adottato in prima lettura dalla Camera dei Comuni.
Il governo spera in un’approvazione rapida e senza emendamenti, ma difficilmente la camera alta – dove il partito conservatore è in minoranza – approverà il testo nella sua forma attuale.

Redazione di Bruxelles

Washington tenta di ricucire le relazioni con Bruxelles