ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Cordoglio all'Onu per la morte improvvisa del russo Vitaly Churkin


mondo

Cordoglio all'Onu per la morte improvvisa del russo Vitaly Churkin

Una morte improvvisa, il giorno prima di compiere 65 anni, che coglie di sorpresa il Palazzo di Vetro delle Nazioni Unite. La scomparsa dell’ambasciatore russo all’Onu Vitaly Churkin è stata attribuita ad un attacco cardiaco dalla stampa statunitense. Le cause specifiche del decesso non sono ancora state ufficializzate da Mosca.

Lana Nusseibeh, rappresentante permanente degli Emirati Arabi Uniti presso l’Onu: “Era un collega caro a tutti noi, un diplomatico di grande valore per il proprio Paese e una delle più belle persone che abbia conosciuto. Vorrei sottolineare questo momento chiedendovi di osservare un minuto di silenzio in omaggio a tutto quel che ha fatto”.

Diplomatico di lunghissimo corso e profonda esperienza, uomo apprezzato per il raffinato senso dell’umorismo, Churkin si era distinto per gli scontri a muso duro con la rappresentante statunitense dell’amministrazione Obama in particolare riguardo alla crisi in Siria.

“Ho sentito l’ambasciatrice Usa Samantha Power parlare come fosse Madre Teresa. Ricordiamoci per cortesia tutto quello di cui è responsabile il suo Paese prima d’assumere atteggiamenti di superiorità morale” aveva detto a dicembre scorso.

Carriera diplomatica avviata a metà Anni Settanta, Churkin lascia la moglie e due figli. Aveva assunto l’incarico di rappresentante permanente della Russia alle Nazioni Unite nel 2006, prendendo il posto di Sergei Lavrov, divenuto allora Ministro degli Esteri.

Francia

Vertice Spagna-Francia, Hollande contro l'antieuropeismo