This content is not available in your region

L'Unione europea in 5 grafici

Access to the comments Commenti
Di Euronews
L'Unione europea in 5 grafici

<p>Venticinque anni fa i leader europei firmarono il trattato di Maastricht, l’accordo che aprì la strada alla costruzione dell’Unione europea.<br /> L’anniversario cade in un momento di crisi esistenziale per l’Unione europea, dopo il voto sulla Brexit; e rappresenta l’occasione per riflettere sui progressi fatti dal 7 febbraio 1992.</p> <p>Sebbene l’accordo sia entrato in vigore nel 1993, abbiamo considerato l’atto della firma come il punto d’avvio per dare un’occhiata ad alcuni indicatori chiave.</p> <p>Uno degli elementi fondamentali del Trattato dell’Unione europea (conosciuto come Trattato di Maastricht) è stato porre le basi dell’euro, la moneta unica europea. Perciò sono stati definiti rigidi criteri affinché le economie nazionali fossero pronte all’adesione all’Unione economica e monetaria. Uno di questi criteri era che il debito pubblico fosse inferiore al 60% del Pil.</p> <p>Ma, come mostra il nostro primo grafico, pochi Paesi hanno davvero rispettato questo obiettivo nell’ultimo quarto di secolo.</p> <script id="infogram_0_804b51ed-19e7-4299-a6c3-80f08d9c3014" title="Government debt as percentage of GDP" src="//e.infogr.am/js/dist/embed.js?fMV" type="text/javascript"></script> <br /> <br /> <p>Il prodotto interno lordo pro-capite, indicatore chiave della ricchezza di un Paese e della forza della sua economia, è cresciuto costantemente dal 1992, con una flessione durante la crisi finanziaria del 2007-2008.</p> <p>Come dimostra il grafico, Grecia e Irlanda sono tra i Paesi il cui Pil pro-capite è stato più duramente colpito durante la crisi economica.</p> <script id="infogram_0_472985a0-68c0-4f5d-8838-bad4fdbad979" title="GDP per capita" src="//e.infogr.am/js/dist/embed.js?Cj5" type="text/javascript"></script> <br /> <br /> <p>Ecco come le popolazioni dei vari Paesi sono cresciute dalla nascita dell’Unione europea. Molte delle più forti economie hanno conosciuto un notevole incremento della popolazione – la Francia di circa 10 milioni.<br /> La popolazione della Romania invece è diminuita, in parte a causa dell’emigrazione rafforzata dall’ingresso nell’Unione europea nel 2007.</p> <script id="infogram_0_bc80d977-2fe4-43f9-a247-1deec83c0a3f" title="Population" src="//e.infogr.am/js/dist/embed.js?6Gi" type="text/javascript"></script> <br /> <br /> <p>L’aspettativa di vita è cresciuta costantemente negli ultimi 25 anni negli Stati europei che abbiamo preso in considerazione.<br /> Bulgaria e Romania hanno conosciuto un incremento dell’aspettativa di vita fino al 2014, quando entrambi i Paesi hanno visto diminuire leggermente questo valore.</p> <script id="infogram_0_77797d54-473a-406f-81c0-90c4dca1eacc" title="Life expectancy" src="//e.infogr.am/js/dist/embed.js?BCR" type="text/javascript"></script> <br /> <br /> <p>Uno degli obiettivi del Trattato di Maastricht era di ottenere un alto livello di occupazione. Tuttavia, come dimostra questo grafico, i tassi di disoccupazione di Grecia, Spagna e Portogallo sono a livelli record dalla nascita dell’Unione nel 1992. </p> <script id="infogram_0_c99db036-a4dd-4430-a928-9a051e2ba0a6" title="Unemployment rate %" src="//e.infogr.am/js/dist/embed.js?ONe" type="text/javascript"></script>