ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Compensi illeciti, rinvii a giudizio, omosessualità: la campagna elettorale francese in salsa piccante


Francia

Compensi illeciti, rinvii a giudizio, omosessualità: la campagna elettorale francese in salsa piccante

Doveva essere il primo giorno di una campagna elettorale rinata dalle sue stesse ceneri. François Fillon lo aveva promesso nella conferenza stampa “chiarificatrice” di lunedì pomeriggio. Invece le rivelazioni della stampa francese continuano ad accumularsi come pietre sulle sue spalle.

I compensi percepiti dalla moglie Penelope come assistente parlamentare del candidato della destra alle presidenziali hanno innescato un già vivace dibattito politico e pubblico. La notizia, oggi in prima pagina del settimanale Le Canard Enchainé, che Penelope ha ricevuto 45.000 € come trattamento di fine rapporto è benzina sul fuoco.

Intanto un’altra notizia affossa, se mai ce ne fosse stato bisogno, ogni possibile futuro in politica di Nicolas Sarkozy, già bruciato da una cocente sconfitta alle primarie. L’ex-Capo dello Stato andrà a processo per il finanziamento della campagna elettorale 2012. Il tetto massimo consentito dalla legge è stato sforato di 20 milioni di €. Ha già annunciato ricorso contro la richiesta formulata dal giudice istruttore.

Il candidato indipendente Emmanuel Macron, ex-Ministro dell’Economia socialista, dato vincente nei sondaggi in un potenziale ballottaggio contro la leader del Front National Marine Le Pen, è stato dal canto suo abile nel gestire le voci, per niente nuove, sulla sua presunta omosessualità. Passo tutte le notti con mia moglie e non la pago nemmeno ha ironizzato. Gioco d’anticipo e affondo contro Fillon in un colpo solo.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

mondo

Scozia: il Parlamento con un voto simbolico ha detto no al lancio della Brexit