ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Francia, Fillon nelle Ardenne chiede tempo e si dice arrabbiato


Francia

Francia, Fillon nelle Ardenne chiede tempo e si dice arrabbiato

È la battaglia delle Ardenne per François Fillon, il cui schieramento affronta in ordine sparso un nemico che ha saputo riorganizzarsi: nel dipartimento al confine con il Belgio (teatro nella Prima Guerra Mondiale di una sanguinosa battaglia tra Francesi e Tedeschi), il candidato di centro-destra alle Presidenziali è stato accolto anche da una serie di insulti, mentre cresce il numero di amministratori locali e deputati del suo partito che gli chiedono apertamente di fare un passo indietro:

“Chiedo che la giustizia concluda rapidamente questa indagine – ha detto Fillon in un comizio a Charleville-Mezières -: ma non posso nascondere la mia rabbia. Provo una fredda rabbia nei confronti di quel branco che si auto-compiace, in quest’opera di demolizione”.

L’accusata principale è la moglie, Penelope, pagata per anni come assistente parlamentare. Ora la televisione pubblica francese rispolvera anche un’intervista del 2007 a una testata britannica, nella quale la donna, che è gallese, affermava di non aver mai assistito il marito nel corso della sua carriera politica.

E ad approfittare del Fillongate, o Penelopegate che dir si voglia, e della confusione nel suo partito è soprattutto Emmanuel Macron. In un sondaggio Elabe per Les Echos, il candidato indipendente di centro sinistra sorpassa Fillon, che sarebbe quindi escluso dal ballottaggio.

Perché in testa nei sondaggi c‘è ancora Marine Le Pen. La candidata del Front National però, al secondo turno, sembrerebbe destinata a perdere.
Tanto più che anche su di lei è in crescita la pressione, per via dei rimborsi richiesti dall’Europarlamento. Avrebbe pagato gli assistenti parlamentari per farli lavorare in realtà per il partito. Un giornalista un po’ troppo insistente è stato allontanato dalle guardie del corpo della leader del Front National.

mondo

Braccio di ferro fra Bruxelles e Bucarest a proposito della legislazione anticorruzione