ULTIM'ORA

Transparency international: necessari piu controlli sui dirigenti UE

Il nuovo rapporto dell'organizzazione mette in guardia contro i conflitti di interesse derivanti dalla commistione tra incarichi pubblici e privati delle alte cariche della politica euopea

Lettura in corso:

Transparency international: necessari piu controlli sui dirigenti UE

Dimensioni di testo Aa Aa

Transparency international mette in guardia contro i potenziali conflitti di interesse degli eurodeputati e chiede venga impedito agli ex parlamentari di accettare incarichi nel settore delle lobby una volta terminato il loro mandato.
Il rapporto dell’organizzazione, pubblicato martedi, rende noto che al momento non è previsto alcun periodo di astensione obbligatorio dal settore provato per i parlamentari europei, i quali durante il loro incarico hanno la possibilità di svolgere anche altre attività collaterali.
“Il problema nel Parlamento europeo – spiega Daniel Freund, portavoce dell’ organizzazione- è che molti deputati lavorano ad esempio come consulenti, avvocati, o liberi professionisti e che non si conoscono i potenziali conflitti di interesse che potrebbero sorgere tra tra le loro attività svolte al di fuori del parlamento e le loro funzioni di legislatori”

Il meccanismo delle cosidette porte girevoli riguarda sopratutto la Commissione europea.Secondo il rapporto, dopo il 2014 ben 15 dei 27 ex commissari hanno trovato un nuovo impiego presso società di lobby.
Le polemiche di recente hanno riguardato sia l’ex presidente della Commissione europea, José Manuel Barroso, che altri commissari tra cui da ultimo Neelie Kroes.
“La signora Kroes – afferma il portavoce della Commissione europea – ha ricevuto un rimprovero da parte del collegio per aver omesso di dichiarare alcune entrate mentre stava ricevendo un’indennità transitoria, che ha ripagato pienamente “.
Lo scandalo Bahamas Leaks ha rivelato inoltre che l’ex commissaria europea ha nascosto di essere a capo di una società off shore con sede alle Bahamas proprio durante il periodo in cui la Kroes rivestiva l’incarico di garante della concorrenza .