ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Balzo dell'inflazione nell'Eurozona, Pil e disoccupazione secondo le attese


economia

Balzo dell'inflazione nell'Eurozona, Pil e disoccupazione secondo le attese

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

Disoccupazione in leggero calo, nuovo balzo dell’inflazione e Pil che sale dell’1,7%. Il 2017 inizia senza grosse sorprese nell’Eurozona.

Confrontando lo stesso trimestre del 2015, il prodotto interno lordo è aumentato dell’1,8% nei Paesi dove circola la moneta unica e dell’1,9% nell’Unione europea.

I dati relativi all’area euro sono comunque migliori delle attese e la crescita economica è in lieve accelerazione: nel quarto trimestre il Pil è aumentato dello 0,5% rispetto ai tre mesi precedenti.

I dati diffusi da Eurostat vedono anche una nuova diminuzione del tasso medio di disoccupazione nell’area euro che conta 121 mila disoccupati in meno.

Il calo è di un solo decimo di percentuale, dal 9.7% di novembre al 9.6% di dicembre, ma abbastanza per registrare un nuovo minimo da oltre 7 anni.

I livelli di disoccupazione più bassi si riscontrano nella Repubblica Ceca e in Germania. I più elevati, all’opposto, riguardano Grecia e Spagna.

Se si guarda ai giovani, il primato dell’occupazione resta nelle mani di Berlino, mentre l’Italia con il 40,1% fa compagnia a Madrid e Atene.

Se la disoccupazione resta stabile, l’inflazione fa un balzo in avanti, passando dall’1,1% di dicembre all’1,8%, trascinata dai prezzi dell’energia saliti dell’8,1%.

L’obiettivo di “stabilità dei prezzi” della Bce prevede un’inflazione “inferiore ma vicina al 2%” su 18-24 mesi. Ecco perché questo dato potrebbe riaccendere le pressioni da parte degli esponenti più intransigenti del direttorio, per ridurre le misure di stimolo all’economia attuate da Mario Draghi.

ALL VIEWS

Clicca per scoprire

economia

"Padre di Jobs sarebbe dovuto tornare indietro", Silicon Valley contro decreto Trump