ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Al Sundance Film Festival "Beatriz at Dinner" e "Lady Macbeth"

Lettura in corso:

Al Sundance Film Festival "Beatriz at Dinner" e "Lady Macbeth"

Dimensioni di testo Aa Aa

Una Park City innevata ha accolto la star messicana Salma Hayek giunta al Sundance Film Festival per presentare “Beatriz at Dinner”.

Una Park City innevata ha accolto la star messicana Salma Hayek giunta al Sundance Film Festival per presentare “Beatriz at Dinner”. Il suo personaggio incontra durante una cena un miliardario che fa pensare immediatamente a Donald Trump. Ma, spiega Hayek, “Il film va oltre il momento politico. Penso che riguardi la divisione fra le prospettive in America: ci sono due prospettive completamente diverse che non sono in grado di comunicare molto bene fra di loro in questo momento. Il film parla di questo”.

“Beatriz at Dinner” è diretto dal portoricano Miguel Arteta. Beatriz. Il personaggio interpretato da Salma Hayek, è una curatrice olistica che si ritrova l’auto in panne vicino alla casa di una sua cliente, che quindi l’invita a rimanere a cena.
Ma si tratta di una cena d’affari. Ed è qui che le cose si fanno complicate.

“Lady Macbeth” è stato presentato per la prima volta al Toronto Film Festival e poi ad altri festival internazionali. Protagonista la diciassettenne Katherine costretta a un matrimonio di convenienza con un uomo di mezza età.

Il regista, William Oldroyd, spiega: “L’attrice doveva interpretare una giovane innocente che nel corso del film diventa una persona fondamentalmente incline ad atti violenti, e che alla fine è completamente trasformata”.

Katherine è interpretata da Florence Pugh, che aggiunge: “Era importante che nelle prime scene apparisse come una persona in cui possiamo immedesimarci, una persona buona che vogliamo amare, e per cui proviamo compassione, e con questi sentimenti lo spettatore la segue fino alla fine, anche se ha commesso così tanti atti crudeli”.

Il film è un adattamento della novella di Nikolaj Leskov “Una Lady Macbeth del distretto di Mcensk”, da cui è stata tratta anche l’omonima opera di Dmitri Shostakovich negli anni Trenta del Novecento.

Una storia di sete di libertà e di vendetta ad ogni costo.