ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Bolivia. La feria de Alasitas: abbondanza, soldi e salute per tutti


Bolivia

Bolivia. La feria de Alasitas: abbondanza, soldi e salute per tutti

La feria de Alasitas: come ogni anno, il 24 di gennaio la capitale della Bolivia La Paz è il cuore pulsante di quella che rappresenta una vera e propria festa dei balocchi. Festa dell’abbondanza, questo il significato letterale della celebrazione di origini precolombiane.

“Come sempre il Signore benedice la mia casa. Chiediamo soldi, lavoro e ovviamente la salute” dice Gladis Prado, una partecipante alla benedizione collettiva.

“Per la mia famiglia, comprare una casetta in miniatura come questa porta bene per l’anno intero” racconta Sergio Nina, venuto a prendere parte ai festeggiamenti. “È un rimedio contro i melefici e la Macumba. Comprare una casetta significa che presto si avrà una casa. Noi già l’abbiamo, ma meglio farlo comunque e sempre con fede. Perchè come si dice: la fede sposta le montagne”.

La festa delle Alasitas affonda le proprie radici nel culto della divinità precolombiana Ekeko che le popolazioni andine veneravano nella sua nudità. Dettaglio cui pensarono di porre rimedio i colonizzatori spagnoli che a fine Settecento spostarono inoltre la data delle celebrazioni dal 20 ottobre al 24 gennaio, per festeggiare la fine dell’assedio di La Paz, trasformandola nella festa che sancisce la fine della penuria d’alimenti e celebra la prosperità.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Germania

Germania: Martin Schulz candidato Spd contro Merkel, ironia Cdu "arriverà secondo"