ULTIM'ORA

Lettura in corso:

"Il diritto di contare", lo spazio è delle donne


cinema

"Il diritto di contare", lo spazio è delle donne

Hidden Figures, ovvero “Il diritto di contare”. E’ il nuovo film diretto da Theodore Melfi. La pellicola ruota attorno alla storia vera di tre scienziate della Nasa che hanno lavorato al lancio di John Glenn in orbita nella celebre impresa spaziale del 1962. A firmare la colonna sonora Pharrell Williams, che ha anche coprodotto il film. Tra gli interpreti Octavia Spencer, Kevin Costner, Kirsten Dunst e Janelle Monáe.

“Mi sono personalmente ispirata a queste donne perché hanno dovuto superare numerosi ostacoli ma hanno perseverato nei loro obiettivi, andando oltre le barriere, senza fermarsi davanti a quegli ostacoli che avrebbero potuto impedire loro di realizzare i propri sogni”, racconta Janelle Monáe.

Secondo Pharrell Williams c‘è una generazione più anziana che ha sempre sostenuto la folle idea che la scienza, la tecnologia e l’ingegneria e la matematica fossero materie solo per gli uomini, “Si sono dimenticati che, non c‘è alcuna specie, alcun genere umano, non c‘è umanità, senza il genere femminile.”

“Il diritto di contare” è tratto dall’omonimo libro di Margot Lee Shetterly, che racconta la storia di Katherine G. Johnson, scienziata afro-americana esperta di matematica che collaborò con la NASA tracciando le rotte per la missione Apollo 11. “Le donne del film cercano di vincere la loro sfida, la corsa verso lo spazio, fa parte del DNA umano guardare al futuro attraverso la scienza, la tecnologia, l’ingegneria e la matematica. Queste giovani donne aspirano a fare la stessa cosa”, sottolinea Octavia Spence.

Uscito il 6 gennaio negli Stati Uniti, “Il diritto di contare” ha ottenuto un record di incassi al box office. Dal 19 gennaio il film è in tutte le sale italiane. Il 20 esce in Spagna. Il 2 febbraio in Germania, e il Francia l’8 marzo.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

cinema

"Split", 23 sfumature di thriller