ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Chi boicotta la cerimonia di investitura di Trump?

Molti artisti hanno declinato l'invito, tra gli altri Boccelli e Dion

Lettura in corso:

Chi boicotta la cerimonia di investitura di Trump?

Dimensioni di testo Aa Aa

La cerimonia di investitura del presidente degli Stati Uniti ha un protocollo rigido, cui tutti i partecipanti si attengono.
Il momento forte della cerimonia, che dura tutta una giornata, è il giuramento, l’unico evento previsto dalla Costituzione.

I preparativi e le prove sono in corso e niente è lasciato al caso.

Anche perché sono invitate a Washington centinaia di migliaia di persone.

Qualcuno però ha deciso di marcare visita, come John Lewis, il deputato democratico che ritiene l’elezione di Trump non legittima.
È una prima volta per John Lewis, deputato da oltre 30 anni.

Il democratico, eletto nello Stato della Georgia, non è il solo.

Anche il mondo dello spettacolo però snobba il magnate newyorkese.

Molti cantanti e gruppi hanno protestato per l’uso dei propri brani ai meeting di Trump, tra gli altri Elton John, in moltissimi hanno criticato le sue boutade su immigrati e musulmani.

Malgrado gli inviti, Andrea Bocelli, il cantante country Garth Brooks, lo stesso Elton John, Céline Dion, e altri ancora hanno declinato l’invito.

Bocelli ha spiegato di non volere irritare i suoi fan.

Questo semi boicotaggio del mondo dello spettacolo la dice lunga su un Paese fortemente polarizzato ma anche sull’impopolarità del presidente.

Stando a un sondaggio Gallup mai un presidente moderno era risultato tanto impopolare prima della sua investitura.