ULTIM'ORA

Parigi: conferenza di pace sul Medio Oriente. Assenti israeliani e palestinesi

Rilanciare il processo di pace di Medio Oriente.

Lettura in corso:

Parigi: conferenza di pace sul Medio Oriente. Assenti israeliani e palestinesi

Dimensioni di testo Aa Aa

Rilanciare il processo di pace di Medio Oriente. È l’obiettivo della conferenza apertasi questa domenica a Parigi. Alla riunione partecipano i rappresentanti di 73 Paesi, quelli delle maggiori istituzioni internazionali e di diverse organizzazioni.

L’idea principale è la ripresa dei colloqui tra israeliani e palestinesi, come ha spiegato Jean-Marc Ayrault, ministro degli Esteri francese: “La responsabilità collettiva ora è quella di riportare israeliani e palestinesi attorno a un tavolo per negoziare. Perché alla fine soltanto i negoziati permetteranno di realizzare la soluzione dei due Stati e porteranno finalmente la pace e la sicurezza in Medio Oriente”.

La riunione arriva a cinque giorni dall’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca. Il presidente eletto ha riacceso le tensioni tra le due parti sostenendo di voler trasferire l’ambasciata statunitense da Tel Aviv a Gerusalemme. Una provocazione per i palestinesi.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha deciso di disertare la conferenza. Assenti anche i vertici della controparte. Ma nonostante questo c‘è chi spera che da Parigi arrivino segnali confortanti.

“Crediamo – dice da Ramallah Hanan Ashrawi, membro dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina – sia un segnale molto positivo che la comunità internazionale sia disposta a impegnarsi per salvare la soluzione dei due Stati. Crediamo che l’iniziativa francese sia un raggio di speranza in una situazione estremamente squallida e molto pericolosa”.

L’altro raggio di speranza è arrivato sabato da Papa Francesco. Il pontefice ha incontrato in Vaticano il presidente dell’Anp Mahmoud Abbas e ha espresso la speranza che si possa mettere fine alla violenza e giungere a una ‘soluzione giusta e duratura’.