ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Cipro, timidi passi in avanti nei negoziati di pace a Ginevra


Svizzera

Cipro, timidi passi in avanti nei negoziati di pace a Ginevra

La neve di Ginevra stende un velo d’incertezza sulla seconda giornata dei negoziati di pace per la riunificazione dell’isola di Cipro. Organizzati sotto l’egida delle Nazioni Unite, i negoziati vedono sedere allo stesso tavolo di dirigenti greco e turco ciprioti che hanno per ora fatto timidi passi in avanti.

“In definitiva una soluzione può essere trovata soltanto se combinerà l’interesse dei greci e dei turco ciprioti” ha commentato da Atene il Primo Ministro ellenico Alexis Tsipras. “In altri termini, una soluzione che dovrà essere necessariamente realistica, funzionale e che possa far sparire la paura per la gente di Cipro”.

“Per garantire la stabilità dell’isola ci vuole un sistema di governo equo ed equilibrato” ha sottolineato il Premier turco Binali Yildirim in conferenza stampa ad Ankara. “La sola fiducia reciproca tra le due comunità non è sufficiente. Ogni dettaglio deve essere chiarito. Vogliamo che i negoziati procedano in modo da raggiungere una pace equa e duratura”.

Mercoledì, ultimo giorni di discussioni, il Presidente greco cipriota Nicos Anastasiades e il leader turco cipriota Mustafa Akinci dovranno affrontare una delle questioni più delicate: la definizione dei confini del futuro Stato con la presentazione delle carte che fissano i limiti territoriali di ciascuna comunità.

Comunità che restano divise dalla linea verde stabilita dall’Onu nel 1974, quando l’esercito turco invase il Nord dell’isola in reazione a un tentativo di golpe da parte dei greco ciprioti, appoggiati dalla dittatura dei colonnelli allora al potere ad Atene.

A Nicosia, centinaia di persone sono scese in strada per manifestare in sostegno dei negoziati di pace e chiedere a rispettivi leader di tornare a Cipro con una soluzione definitiva.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Grecia

Grecia: procuratore Cassazione, no a estradizione di due militari turchi