ULTIM'ORA

Brasile: conclusa rivolta in carcere Manaus. Almeno 56 morti

Brasile: scene da Grand Guignol al termine della rivolta in carcere di Manaus. Decine di morti, uccisi dopo torture. Molti detenuti evasi

Lettura in corso:

Brasile: conclusa rivolta in carcere Manaus. Almeno 56 morti

Dimensioni di testo Aa Aa

Almeno 56 morti. È finita in un bagno di sangue la rivolta scoppiata nel carcere Anisio Jobim di Manaus, in Brasile. Rivolta sedata solo dopo 17 ore. Cosa ancora più grave molti detenuti, circa un centinaio, sarebbero riusciti a fuggire.

Il governatore dello Stato però, non ammette sbavature e anzi rincara la dose affermando che i morti, molti decapitati, in fondo se lo meritavano per i loro crimini.

Anche i dodici agenti penitenziari che erano stati presi in ostaggio dai reclusi sono stati liberati dopo trattative tra le autorità e i leader della rivolta.

All’origine della ribellione ci sarebbe una guerra tra gang rivali, la Familia do Norte e il Primeiro Comando da Capital (PCC): ad avere la peggio sarebbero stati gli esponenti di
quest’ultima fazione. La posta in gioco era il controllo del traffico di stupefacenti nella capitale amazzonica di Manaus.