ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il ritratto digitale a Canberra


Cult

Il ritratto digitale a Canberra

In partnership con

Nasce l’era del ritratto digitale e la National Portrait Gallery di Canberra, ospita gli artisti che si avventurano dentro una ritrattistica multimediale in cui film, fotografia e dipinto si confondono. Si tratta dei 7 autori finalisti del Digital Portraiture Award 2016 che si contendono la piazza della capitale d’Australia.

La video performance concettuale di Paul Mumme è fra le opere selezionate. Si tratta di un particolare autoritratto dell’artista australiano.

Il progetto vincitore è un video ritratto di Amiel Courtin-Wilson intitolato “Charles”, cioè l’incontro casuale dell’artista con un uomo di colore fuori di un negozio di alimentari alla periferia di Oklahoma City.

Dal sapore ectoplasmatico è invece l’opera del finalista Lucas Davidson che intitola con “Body Emulsion Detachment” il suo autoritratto.

Fra le altre opere in esposizione a Canberra anche “Four Walks” di Luke Aleksandrow e “Transillumination (A Moment of Noise in Memory of Absence)” di Kailum Graves. La mostra resta aperta fino al 9 aprile.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Cult

La poesia senza fine di Alejandro Jodorowsky