ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Pace in Siria. La Russia chiede al Consiglio di Sicurezza di appoggiare il piano


Siria

Pace in Siria. La Russia chiede al Consiglio di Sicurezza di appoggiare il piano

La Russia propone agli altri Paesi presenti nel Consiglio di Sicurezza dell’Onu di appoggiare il piano di pace sulla Siria e i futuri negoziati che si terranno ad Astana in Kazakistan. La delegazione russa nel Consiglio ha chiesto di approvare una risoluzione in tal senso anche se, in questo accordo fra Mosca ed Ankara, sono rimasti al margine gli stati Uniti.

“Speriamo che le Nazioni Unite s’impegnino completamente nella preparazione della riunione ad Astana”, si è augurato l’ambasciatore russo al palazzo di vetro. “Se la riunione dovesse avere successo potrebbe continuare a Ginevra. Non vedo nessuna sovrapposizione fra i due processi”.

La Turchia, dal canto suo, è intervenuta per la prima volta negli accordi di pace in Siria. Un cambiamento di indirizzo visto che finora aveva dato il suo appoggio ad alcune fazioni ribelli, ma ha soprattutto chiesto la partenza del presidente Bashar al Assad.

“L’incontro ad Astana è comunque aperto a tutti color i quali vogliano fermare gli scontri a far tacere le armi”, ha detto il premier turco Yildirim. “Non credo che nessuno sia contento di vedere gente che muore e si uccide in una guerra senza senso. Quindi qualsiasi partito o gruppo che non abbia vincoli con il terrorismo e sia in favore della pace e della fratellanza può prendere parte a questo processo, soprattutto gli Stati Uniti e le forze della coalizione”.

Dubbi però ne rimangono, visto che l’Iran non vorrebbe la partecipazione di Paesi come l’Arabia saudita e resta da vedere quale sarà la posizione di Washington quando Donald Trump prenderà definitivamente possesso dello Studio Ovale.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Brasile

Brasile: ritrovato il corpo dell'ambasciatore greco