ULTIM'ORA

In Polonia i funerali del camionista ucciso dal terrorista di Berlino

Amri gli sparò con la stessa arma che sfoderò contro gli agenti italiani

Lettura in corso:

In Polonia i funerali del camionista ucciso dal terrorista di Berlino

Dimensioni di testo Aa Aa

A Banie, in Polonia, si sono svolti i funerali di Lukasz Urban, il camionista ucciso da Anis Amri per rubargli il mezzo che poi ha usato nell’attentato di Berlino. La vicenda di Lukasz ha sconvolto l’opinione pubblica polacca ma non solo.

Colletta internazionale per la famiglia

Il presidente della Polonia Andrzej Duda ha partecipato alle esequie e un autotrasportatore britannico ha lanciato una colletta per la famiglia, che ha permesso di raccogliere l’equivalente di 200mila euro.

Lukasz Urban aveva 37 anni. L’autopsia ha stabilito che l’attentatore l’ha aggredito con un coltello e poi l’ha ucciso con un colpo di pistola alla testa. I fatti sono accaduti diverse ore prima dell’azione terroristica. L’arma usata per l’omicidio è la stessa che Amri aveva con sé al momento del controllo di polizia a Sesto San Giovanni che ha portato alla sua morte.

La polizia ha praticamente ricostruito tutte le tappe del suo passaggio in Italia. Il 23 dicembre sarebbe sceso a Bardonecchia da un tgv proveniente dalla Francia e da lì avrebbe preso un treno locale fino a Torino. Poi la Stazione centrale di Milano e infine Sesto, termine corsa.