ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Aereo russo precipitato: la causa sarebbe stato uno stallo aerodinamico


Federazione russa

Aereo russo precipitato: la causa sarebbe stato uno stallo aerodinamico

In tutto sono stati recuperati sino adesso 17 corpi e 223 resti umani al largo delle coste di Sochi, nel Mar Nero, nell’area in cui si è schiantato il Tu-154 delle forze armate russe, il giorno di Natale. A farlo sapere è il ministero della Difesa che ha anche precisato come la seconda scatola nera dell’aereo sia stata ritrovata in mattinata. Adesso gli esperti cercheranno di recuperare i dati anche se gli strumenti ritrovati, al pari dell’apparecchio, sono abbastanza obsoleti.

Il ministro della difesa russo, Sergei Shoygu, si è riferito alle compensazioni delle vittime: “Cominciamo a indennizzare i familiari delle vittime. Non faremo differenze fra militari e civili e ovviamente siamo vicini alle famiglie che hanno biusogno di aiuto. Stiamo facendo tutto quanto nelle nostre possibilità e continueremo a farlo”.

Ancora non ci sono certezze per l’incidente. Fra le ipotesi avanzate, un problema con i flap alari del velivolo. L’aereo non ha raggiunto la velocità sufficiente per procedere in volo dopo essere decollato. Entrato in stallo aerodinamico, è precipitato.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Israele

Netanyahu blocca il voto municipale su nuovi insediamenti a Gerusalemme Est: non vuole un altro scontro con gli U.S.A.