ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Trapianto di organi, pornografia, prostituzione. Aumentano le vittime di tratta e un terzo sono bambini


mondo

Trapianto di organi, pornografia, prostituzione. Aumentano le vittime di tratta e un terzo sono bambini

Le donne per la prostituzione, gli uomini per i lavori forzazi, i bambini, ormai un terzo delle vittime, per l’accattonaggio, la guerra, il porno.
La piaga del traffico di esseri umani è un fenomeno sempre più pervasivo e raggiunge dimensioni spaventose tra i profughi. Sempre più uomini e sempre più minori ne cadono preda anche se la maggior parte delle vittime è ancora donna.
La fotografia è in un rapporto delle Nazioni Unite diffuso ieri. Il report si basa sull’ esame di 63 mila casi. Kristina Kangaspunta-United Nation Office for Drug and Crime che ha stilato il rapporto, dice:
“Le donne sono ancora le principali prede di tratta, destinate allo sfruttamento sessuale. Il 72 per cento delle donne-vittima incontra questo destino ma c‘è anche un 20 per cento che finisce ai lavori forzati”.

La tratta di esseri umani è un crimine diffuso in tutto il mondo ma supera livelli di guardia dove opera la criminalità organizzata e nelle zone di conflitto. Nadia Murad, attivista yazida:
“Un elemendo del genocidio commesso dal sedicente stato islamico ai danni degli yazidi, è stata la sistematica riduzione in schiavitù di donne, ragazze e bambini. Più di 6mila sono state le vittime, persone ridotte a proprietà da un sistema violento in cui lo stato islamico ha trattato le donne yazide come inutili oggetti per soddisfare desideri malati”.

Si stima che siano 21 milioni le vittime di tratta nel mondo compresi i rapiti per prelievo di organi, per pornografia e per la guerra. Nell’Africa sub-sahariana la tratta dei minori per farne accattoni, soldati o schiavi del lavoro è un fenomeno che supera lo sfruttamento delle femmine. Si stima che solo in Nigeria negli ultimi tre anni i terroristi di Boko Haram abbiano rapito 10mila bambini per farne dei soldati.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Cordoglio al consolato russo di Istanbul dopo l'uccisione dell'ambasciatore russo ad Ankara