ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Cordoglio al consolato russo di Istanbul dopo l'uccisione dell'ambasciatore russo ad Ankara

Proseguono le indagi, 11 i fermati, compresi i genitori del killer e sua sorella. Al setaccio anche il reparto di polizia in cui lavorava l'assassino

Lettura in corso:

Cordoglio al consolato russo di Istanbul dopo l'uccisione dell'ambasciatore russo ad Ankara

Dimensioni di testo Aa Aa

Cerimonie commemorative e cordoglio al consolato russo di Istanbul dopo l’assassinio dell’ambasciatore russo in Turchia Andrei Karlov, ad Ankara. Chi c‘è dietro all’assassino, se abbia agito da solo o no, resta però una questione irrisolta.
Il presidente turco Erdogan punta il dito contro la rete del suo oppositore, Fetullah Gulen,denunciando legami tra questo e l’attentatore; una testata russa, invece, parla di una connessione tra l’assassino e Al Nusra.

Mevlut Mert Altintas, il poliziotto ventiduenne che lunedí ha assassinato l’ambasciatore russo urlando ‘vendetta per Aleppo’, è stato ucciso da forze speciali intervenute sul luogo del delitto; ora si indaga su una presunta rete di appoggi e sale a 11 il numero delle persone in stato di fermo in Turchia per legami con l’assassino.
Tra queste ci sono i genitori e la sorella del killer. Al setaccio anche il suo reparto di polizia