ULTIM'ORA

Un safari nel paradiso fiscale lussemburghese

Nel giorno in cui si apre il processo d'appello dello scandalo LuxLeaks alcuni attivisti hanno ideato una singolare visita guidata presso le sedi lussemburghesi delle multinazionali coinvolte

Lettura in corso:

Un safari nel paradiso fiscale lussemburghese

Dimensioni di testo Aa Aa

Un tour guidato nel paradiso fiscale lussemburghese è la singolare visita che alcuni attivisti hanno organizzato lunedì,per illustrare le pratiche con cui il governo del Grand Ducato firmava accordi segreti che permettevano alle multinazionali di evadere le tasse per milioni di euro.
Una puntatina a PricewaterhouseCoopers e poi da Amazon e Societé Generale, per terminare davanti l’amministrazione pubblica. L’iniziativa cade nel giorno in cui si apre il processo d’appello contro gli informatori dello scandalo Luxleaks

“Dobbiamo proteggere gli informatori – spiega Tove Ryding attivista dello European network on debt and development- come quelli che sono in tribunale oggi. Hanno fatto una cosa molto importante e hanno bisogno di essere protetti, invece di essere puniti.”

Lo scandalo Luxleaks ha portato alla luce accordi segreti con almeno 340 multinazionali, che hanno potuto ridurre il loro contributo fiscale fino all’1%