ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Stati Uniti: lavoratori in sciopero chiedono a Trump di mantenere le promesse


USA

Stati Uniti: lavoratori in sciopero chiedono a Trump di mantenere le promesse

Se la classe operaia bianca ha contribuito alla vittoria di Donald Trump, non è certo che il sostegno al presidente eletto degli Stati Uniti sia destinato a continuare. Vicino al nuovo hotel di Trump a Washington lavoratori in sciopero hanno denunciato violazioni della paga minima da parte delle imprese appaltatrici federali.

A sostenerli anche l’ex candidato alle primarie democratiche Bernie Sanders: “Diciamo a Trump e a tutti quanti che siamo milioni a essere uniti e vinceremo. Nessuno ci fermerà”.

Il deputato democratico Keith Ellison respinge l’idea di dover dare un’opportunità a Trump nel Congresso: “Non si tratta di cooperare con Trump, ma di cooperare con la gente. Ci si è concentrati troppo su cosa i politici o gli uomini di affari sono in grado di fare. Occorre concentrarsi sulle persone”.

L’attore Danny Glover ha criticato la scelta di Time Magazine di eleggere Trump persona dell’anno: “È irresponsabile nominarlo persona dell’anno! Su cosa si sono basati? Sul fatto che abbia vinto il collegio elettorale? Sul fatto che abbia mentito alla gente? Su cosa ha fatto alle donne e su cosa pensa delle donne? Sul suo razzismo? Un razzista è persona dell’anno? Sono sconcertato!”

Stefan Grobe, euronews: “Le tute blu determinanti per la vittoria elettorale di Donald Trump adesso vogliono azioni e rapidamente. Trump deve dare una risposta a questi lavoratori per farli restare dalla sua parte”.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Nuovi raid in Iraq, colpita la città di Qaim. Oltre 50 i morti