ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Tappeto rosso a Marrakech per il festival internazionale del cinema


cinema

Tappeto rosso a Marrakech per il festival internazionale del cinema

La pioggia battente non ha smorzato l’entusiasmo della folla riunita a Marrakech per l’apertura della sedicesima edizione del festival internazionale del cinema.

La giuria, presieduta dal leggendario regista ungherese Bela Tarr, dovrà scegliere i vincitori tra quattordici film da tutto il mondo: Asia, Sud America, Africa ed Europa.

Una ricca selezione che riflette la prospettiva globale del festival, come dice l’attore inglese Jason Isaacs :“Penso che ogni volta che si celebra un film, certo un film che non sia di supereroi e che non abbia un budget pubblicitario milionario, è importante dargli un profilo tale che tutti poi ci ricordiamo di guardare e imparare come altre persone vivono, pensano e sentono in altre parti del mondo; perché questo mondo, oggi, è sempre più frammentato”.

Il film della regista americana Jessica Woodworth, King of the Belgians, è stato uno dei primi ad essere proiettato nella competizione ufficiale.
La regista, Woodworth: “Si tratta di un festival che propone una serie di film impegnati, coinvolgenti e politicamente impegnati e ne abbiamo bisogno. Viviamo in tempi di crisi ed è assolutamente necessario che il pubblico si confronti con pellicole così”.
King of the Belgians è un mockumentary su un re del Belgio bloccato in Turchia durante la secessione della Vallonia e che dovrà attraversare i Balcani per tornare a casa.

Il festival del cinema di Marrakech non è solo una possibilità di scoprire nuovi ed emozionanti perle cinematografiche da tutto il mondo, è anche l’occasione per rendere omaggio ad alcune delle grandi figure del mondo del cinema. Tra di loro, quest’anno, c‘è il regista giapponese Shinya Tsukamoto La sua ultima prova è come attore nell’ultima pellicola di Martin Scorsese Silenzio.
Tsukamoto: “Recitare per Scorsese è stato come un sogno divenuto realtà.
Ciò che mi colpisce di più è il rispetto che Scorsese ha per i suoi attori. Ha una grande capacità di ascoltarli, di prendere le loro proposte e di integrarle nei suoi film. Il risultato è una pellicola al 100 per cento di Scorsese ma che tuttavia prende ispirazione da contributi altrui. Io trovo che questo sia davvero ammirevole”.

Un omaggio speciale quest’anno è stato dedicato al defunto maestro iraniano Abbas Kiarostami, scomparso nel mese di luglio.

Sintonizzatevi su Euronews, questa settimana per sapere tutte le ultime dal tappeto rosso di Marrakech.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

cinema

*Marie Curie*, gli studi e gli amori della scienziata due volte premio Nobel