ULTIM'ORA

Lettura in corso:

I pro-Trump si mobilitano: azioni legali contro il riconteggio dei voti


USA

I pro-Trump si mobilitano: azioni legali contro il riconteggio dei voti

Il fronte di Donald Trump si mobilita per fermare il riconteggio dei voti delle presidenziali americane, promosso dalla candidata verde Jill Stein. Sostenitori del presidente eletto hanno intentato azioni legali in Pennsylvania, Wisconsin e Michigan, denunciando un “processo lungo e costoso” e contestando la legittimità dell’iniziativa.


Tra coloro che si sono mobilitati anche il Procuratore generale del Michigan, che su Twitter contesta la legittimità dell’iniziativa e sostiene che costerebbe cara ai contribuenti

L’1% ottenuto da Jill Stein, sostengono, non la autorizzerebbe insomma a rivendicare un nuovo conteggio. La candidata verde ha dal canto suo specificato che l’iniziativa mira solo a provare la trasparenza del voto e non a ottenere un rovesciamento del risultato complessivo.

Grazie ai 306 voti ottenuti dai grandi elettori, Trump ha oltrepassato ampiamente la barra dei 270 necessari a garantire la vittoria. Nell’insieme, Michigan, Wisconsin e Pennsylvania apportano tuttavia un totale di 46 voti, sulla carta sufficiente a rovesciare i risultati su scala nazionale. Perché ciò avvenisse dovrebbe però verificarsi l’improbabile eventualità che il riconteggio sconfessi la vittoria di Donald Trump in tutti e tre gli stati.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

Siria

Siria: il regime avanza ad Aleppo est. Evacuazioni intorno a Damasco