ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Terremoto fra i conservatori inglesi. Elettori anti-Brexit puniscono i Tories a Londra


Regno Unito

Terremoto fra i conservatori inglesi. Elettori anti-Brexit puniscono i Tories a Londra

Perde il proprio seggio alla Camera dei Comuni Zac Goldsmith, l’ex candidato a sindaco di Londra, che di recente aveva lasciato i Tories in contrasto con la decisione della premier Theresa May di espandere l’aeroporto di Heathrow.

Alle elezioni suppletive di Richmond, sobborgo a sud della capitale, è stato battuto dalla candidata libdem e pro Europa Sarah Olney.

Così la Olney “La gente di Richmond Park and North Kingston ha mandato un messaggio: non vogliamo una Brexit dura e non vogliamo uscire dal mercato comune. Non vogliamo intolleranza e divisioni”.

Un colpo durissimo agli euroscettici e al povero Goldsmith, convinto di essere rieletto a mani basse da quello che considerava il suo bacino elettorale.

Goldsmith paga invece l’essersi schierato apertamente per la Brexit. Non gli è bastata la svolta ambientalista, schierandosi contro l’ingrandimento del maggiore scalo londinese.

Goldsmith ha fatto buon viso a cattivo gioco: “Questa elezione non era una scommessa politica, ma una promessa che ho fatto e che ho mantenuto. È stato un privilegio gigantesco servire e e rappresentare questa comunità negli ultimi sei anni”.

Il partito conservatore per solidarietà col suo ex deputato, aveva deciso di non presentare un proprio esponente, ma nemmeno questo è servito a fermare la rabbia degli elettori di questo quartiere, un po’ come tutti i londinesi contrari alla Brexit. Un colpo alla premier Theresa May che perde un voto importante in Parlamento.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

mondo

Australia: ragazzini replicano farmaco antimalaria a basso costo