ULTIM'ORA

Marocco: il salone dell'edilizia all'insegna della sostenibilità ambientale

Poco dopo la COP22, il Marocco ospita il salone internazionale del settore edile, con quasi 700 aziende da circa 45 Paesi, a Casablanca.

Lettura in corso:

Marocco: il salone dell'edilizia all'insegna della sostenibilità ambientale

Dimensioni di testo Aa Aa

Poco dopo la COP22, il Marocco ospita il salone internazionale del settore edile, con quasi 700 aziende da circa 45 Paesi, a Casablanca.

Le questioni ambientali sono al centro di quest’edizione, che dà particolare risalto all’edilizia sostenibile: basso consumo di energia, uso di energie alternative e materiali isolanti nelle costruzioni.

“Dopo la COP 22 dobbiamo migliorare la qualità e impegnarci in materia di efficienza e efficacia energetica”, afferma Mohamed Nabil Benabdellah, ministro marocchino per l’Edilizia. “È una nuova fonte di sviluppo per il nostro Paese e ci aspettiamo che faccia da perno per il settore delle costruzioni nel quale lavora più di un milione di persone. Un settore che rappresenta il 6% del Pil del Paese”.

Gli effetti dei cambiamenti climatici si fanno sentire in Marocco mettendo a rischio l’agricoltura, settore colpito l’anno scorso da una prolungata siccità. La conseguenza è lo spopolamento delle campagne.

“Le città ormai ospitano la maggior parte della popolazione marocchina, si tratta del 65%, c‘è un’evoluzione dal rurale verso l’urbano”, continua Benabdellah.

Fra i progetti urbani lanciati in Marocco quello da 10 miliardi di dollari affidato a un gruppo cinese per la realizzazione di una zona industriale e residenziale nella regione di Tangeri.

Nel terzo trimestre i posti creati nel settore edile hanno contribuito al calo del tasso di disoccupazione, ma molti di essi sono precari.