ULTIM'ORA

ULTIM'ORA

Bataclan, il trauma infinito dei superstiti

Lettura in corso:

Bataclan, il trauma infinito dei superstiti

Bataclan, il trauma infinito dei superstiti
Dimensioni di testo Aa Aa

Un anno dopo, nelle parole dei superstiti del Bataclan resta la stessa angoscia.

“Ho visto del sangue, e gente senza vita intorno a me. Mi sono detto: ok, il prossimo sarò io. Ho avuto questa reazione, non riuscivo a capire, non potevo spiegarmelo. Non ero io ad agire, ero guidato dalle emozioni, e il mio cervello mi ha fatto alzare e scappare via verso una porta aperta che sembrava vicina, cercando di fare il possibile”.

Gli attentati del 13 novembre hanno sconvolto il paese, e segnato per sempre le vittime.

“Non so se potrò mai lasciarmi alle spalle quello che è successo, credo che mi abbia cambiato per sempre. Spero di non continuare a sentirmi una vittima, ma so che sarà difficile uscirne. Perché è qualcosa che non si può ignorare, o mettere di lato. Ora ho scoperto l’ansia, la depressione e altre cose del genere. Non posso certo dire di essere la stessa persona di prima del 13 novembre. Questo non è possibile, e non so se passerà mai”.