ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Notizie nascoste: i parrucchieri francesi non si offendano


mondo

Notizie nascoste: i parrucchieri francesi non si offendano

Ogni venerdì i giornalisti di tutte le lingue di euronews selezionano alcune storie, dall’Europa e dal mondo, che non hanno fatto i titoli della stampa internazionale .


I quadrati neri di Instagram

Il giorno delle elezioni presidenziali statunitensi Instagram è stata inondata da selfies e da messaggi di speranza. Ma appena è risultata chiara la vittoria di Trump, il tono del social network è cambiato. Molti utenti hanno pubblicato quadrati neri e senza parole, come per significare la mancanza di parole.

I can't right now.

Une photo publiée par Ryan Boswell (@ryanboswell) le


Centinaia di statunitensi vogliono emigrare in Svezia. E’ il Great Trump Escape

Una società svedese aveva promesso, in caso di vittoria di Trump, di offrire un aiuto agli statunitensi che lo avessero richiesto per emigrare a Stoccolma. Ma di certo non si aspettava di ricevere centinaia di richieste.

Il sito Great Trump Escape macina adesioni e domande, e raccoglie i curricula di quanti sognano di trovare un lavoro in Europa e lasciare gli Usa, dopo l’arrivo alla Casa Bianca dell’uomo d’affari.


Snoop Dogg vuole andarsene in canada dopo la vittoria di Donald Trump

Anche il celebre rapper Snoop Dogg annuncia la propria intenzione di lasciare gli Stati Uniti con Trump alla Casa Bianca. Con un post da Toronto l’artista parla della sua nuova città di residenza, della sua nuova casa.

Snoop Dogg non è il solo ad annunciare simili propositi. Oltre a lui lo hanno fatto anche Lena Dunham, Bryan Cranston, Barbra Streisand e Robert De Niro.


Come, e dove, hanno votato gli statunitensi

Non solo ai seggi il martedi elettorale. Per la scelta del nuovo presidente qualcuno ha votato stando su una tavola da surf, qualcun altro suonando il sitar.

Il Mummers Museum di Philadelphia ha celebrato la tradizionale sfilata cittadina, e tutto permettendo agli elettori di esprimersi.

Colazione gratis, musica indiana e corsi di yoga: così il Luxe Sunset Boulevard Hotel ha provato ad attirare elettori.


File ai seggi per le macchine elettorali difettose

Dal Texas alla Pennsylvania si sono registrate numerose file e molti ritardi nel martedi elettorale. In molti casi la causa di ciò è stata la scarsa efficienza delle macchine usate ai seggi per raccogliere e conteggiare i voti.


Le comparsate di Trump al cinema

La tv svizzera Rsi ha trasmesso un video con molte delle apparizioni del neo presidente Usa in film e telefilm, come Sex and the City, Spin City, Zoolander…

“Samantha, a Cosmopolitan and Donald Trump, you just don’t get more New York than that”: è una frase tratta dalla fortunata serie televisiva Sex and the City, in cui il presidente eletto degli Stati Uniti fece una rapida apparizione. Non la sola davanti alle telecamere per il tycoon, noto anche per il reality The Apprentice.

Un video raccoglie molti dei suoi (brevi) ruoli: lo si vede in casa del “Principe di Bel Air” con un giovane Will Smith, dialogare con Hugh Grant in “Due settimane per innamorarsi”, stringere la mano di Michael J. Fox nella sitcom “Spin City”, in “Zoolander” e mentre indica la strada al piccolo Kevin (Macaulay Culkin) in “Mamma ho perso l’aereo 2”.


Dopo Trump il Portogallo chiede ponti, non muri

In occasione del web summit https://websummit.net/ in programma questa settimana a Lisbona, è stato diffuso un messaggio critico nei confronti del proposito del presidente eletto di innalzare un muro alla frontiera col Messico.

L’iniziativa è del sindaco di Lisbona, ed è stata criticata dal leader del partito dell’opposzione di centrodestra. :http://www.tvi24.iol.pt/sociedade/cartaz/camara-de-lisboa-deixa-recado-subtil-a-donald-trump.


Trump su Games of Thrones

La parodia risale a nove mesi fa, ed è stata trasmessa dal programma Insiders da Abc.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

traduzione automatica

traduzione automatica

Prossimo Articolo

mondo

Trump visto dai vignettisti