ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Il passo indietro di Hillary Clinton


mondo

Il passo indietro di Hillary Clinton

Hillary Clinton, prima donna candidata alla presidenza degli Stati Uniti, ha scritto una pagina di storia.

La sua corsa alla Casa Bianca è un fatto senza precedenti.

Hillary è il trionfo della perseveranza e della resistenza. Ma nessuno dubita della sua preparazione, cui lavora da tempo.

Barack Obama:

“Non c‘è mai stato un uomo o una donna, ha dichiarato Obama, che sia più qualificato di Hillary Clinton a diventare presidente degli Stati Uniti d’America.”

Moglie e braccio destro dell’ ex presidente Bill Clinton, senatrice prima, segretario di Stato poi, si è guadagnata il consenso dei sui elettori sul campo.

L’ex first lady non si è mai tirata indietro, nonostante le critiche all’interno del suo stesso partito.

Ad aprile l’annuncio ufficiale: “correrò per la Casa Bianca.”

Dalla sua ha l’esperienza del potere e anche gli errori commessi esercitando il potere.
E questi sembrano non abbandonarla.

Ma c‘è prima l’uccisione di Bin Laden, un successo e a colpo medicatico da incassare per Hillary, segretario di Stato del presidente Obama.

Ma il suo percorso istituzionale, come dicevamo, è incoronato anche da spine.

La morte di quattro americani, tra cui l’ambasciatore americano, nell’attentato di Benghazy la perseguita.

Come la vicenda delle email ricevute e inviate da un server personale.

“Ho commesso un errore.Non lo rifarei. Si è trattato di un errore, di cui mi assumo interamente la responsabilità”.

Sostenuta dalle donne, Hillary Clinton è riuscita a saldare questa parte dell’elettorato, presentandosi come portabandiera dei loro diritti.

“Trump mi accusa di giocare la carta delle
Beh, se la lotta per l’assistenza sanitaria per le le donne e il congedo familiare retribuito e parità di retribuzione è giocare la carta delel donne, allora sono ben contenta di giocarla”.

Nei tre dibattiti televisivi con l’avversario, esce vincitrice e riesce a non cadere nelle procazioni tese da Trump costringendolo sulla linea difensiva.

Il 28 ottobre, a 11 giorni dalle presidenziali, lo scandalo delle email fa nuovamente capolino, in seguito a una lettere del direttore del Fbi inviata al Congresso.
Clinton sa che su questo crinale si gioca tutto, chiede che si mostrino tutti i fatti.

Riprende subito la campagna elettorale, non tralasciando di parlare dell’inchiesta.

“Trovo strano, molto strano che una cosa simile esca fuori giusto a qualche giorno dalle elezioni.
Donald Trump sta già imbastendo tutta una serie di menzogne, sta facendo del suo meglio per confondere le idee e scoraggiare gli americani.

Ma Hillary non si dà per vinta:

“Mia madre mi ha insegnato a non mollare ….mai; mi sono battuta per le famigle per tutta una vita e non mi fermo adesso. Abbiamo appena iniziato”.

Ma anche questa volta Clinton è costretta a fare un passo indietro.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

mondo

È morto Umberto Veronesi, oncologo ed ex ministro della Sanità