ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Clima: l'accordo di Parigi entra in vigore


Francia

Clima: l'accordo di Parigi entra in vigore

A meno di un anno dalla sua adozione entra in vigore l’accordo sul clima adottato a Parigi da 195 Paesi.

Per entrare in vigore l’accordo doveva essere ratificato da 55 Paesi rappresentanti almeno il 55% di emissioni di gas a effetto serra.

Parigi, che l’anno scorso ha ospitato la Cop 21, la Conferenza sul clima, ha salutato l’evento come storico.

L’anno scorso il presidente della Cop 21, Laurent Fabius, annunciando l’adozione dell’accordo, non si aspettava sicuramente la sua una sua implementazione così rapida.

L’accordo di Parigi prevede di limitare il riscaldamento climatico al di sotto dei 2 gradi centigradi rispetto alla temperatura del periodo preindustriale: per raggiunere questo obiettivo i gas a effetto serra devono diminuire passando dal 40 al 70% in meno dal 2010 al 2050.

Obiettivo ambizioso ma ancora non sufficiente secondo i detrattori dell’accordo, che già l’anno scorso protestarono rilevando le incorenze dell’intesa e una ripartizione che penalizzava i Paesi più poveri.

Lo scorso 4 ottobre, anche il Parlamento europeo ratificava l’accordo. L’Unione europea che nel suo insieme produce il 12% dei gas serra con il suo voto ha permesso di raggiungere la soglia minima per implementare l’accordo di Parigi.

“Il nostro voto assicura la buona riuscita dell’accordo e la sua entrata in vigore”, diceva il presidente dell’europarlamento Martin Schulz.

Oltre all’Europa, anche l’India, la Cina e gli Stati Uniti si sono impegnati a tagliare le emissioni.

Portavoce del segretario generale dell’Onu:

“Il segretario generale ha presenziato a un incontro altamente simbolico in Cina dove l’accordo è stato ratificato da Cina e Stati Uniti.Ci auguriamo che chiunque sia il prossimo presidente della Casa Bianca continui a mantenere questo ruolo di leadership per gli Stati Uniti”.

Tra le altre cose il testo prevede un processo di revisione degli obiettivi che dovrà svolgersi ogni 5 anni.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Spagna

Giura davanti al re di Spagna il nuovo governo Rajoy