ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Preservare le oasi del Marocco


COP22

Preservare le oasi del Marocco

Ci troviamo a Tafilalt, in Marocco, nella più grande oasi del mondo, oggi minacciata dai cambiamenti climatici. Il paese ha fissato tre grandi obiettivi: il riconoscimento delle problematiche legate ai cambiamenti climatici, la preservazione delle oasi e il loro sviluppo secondo un modello unico di resilienza.

L’insieme di oasi che caratterizza Tafilalt è situato intorno alle città di Erfoud e Rissani.

Per preservare le oasi, il Marocco ha lanciato un programma che punta a promuovere i prodotti locali e l’ecoturismo, preservare e valorizzare il patrimonio e proteggere l’ambiente, il tutto in un’ottica di sviluppo umano sostenibile e integrato.

Bachir Saoud, consigliere del ministro marocchino dell’agricoltura e della pesca, spiega: “C‘è un grande programma nazionale che ha l’obiettivo di mettere a disposizione gli strumenti necessari allo sviluppo in un approccio sostenibile che consente al tempo stesso di preservare l’ambiente, sviluppare il patrimonio culturale, architetturale e altro, e creare posti di lavoro”

L’acqua è naturalmente fondamentale per preservare le oasi. Per sottrarre acqua al deserto e irrigare il suolo si ricorre allora a tutte le tecniche possibili: pozzi, gallerie sotterranee, serbatoi, canali, dighe… Come precisa Mohamet Bousfoul, direttore regionale dell’agricoltura nella regione di Tafilalt, “Sono secoli che vengono costruite strutture adatte. Posso citare ad esempio le khatara – gallerie drenanti che utilizzano la forza di gravità -, le dighe, i bacini di raccolta dell’acqua, eccetera. Tutto questo è stato integrato nel piano Marocco Verde per lo sviluppo. Abbiamo introdotto nuove tecniche per risparmiare l’acqua, come l’irrigazione a goccia”.

Per ricostituire i palmeti è necessario avere a disposizione una grande quantità di piantine di palme da dattero pronte da piantare.
Il laboratorio Maghreb Palm Biotechnologies, a Biougra, nei pressi di Agadir, ricorre a questo scopo alla coltura in vitro.

“Produciamo principalmente palma da datteri – dice il Mounir El Bellaj, direttore tecnico del laboratorio -, intorno alle 100 mila piantine all’anno. Fra le varietà che produciamo, la principale è la Mejhoul, e poi abbiamo altre varietà nazionali come la Boufeggous e la Nejda”.

Una volta piantate, le giovani palme devono essere protette prendendo provvedimenti adeguati per aumentarne le possibilità di sopravvivenza in terreni spesso ostili. L’obiettivo? Risponde il direttore del laboratorio, Abderahim Hilali: “Queste piantine sono destinate ai piccoli agricoltori dei palmeti e delle oasi marocchine, per aiutarli a migliorare il loro reddito e naturalmente per aiutarli ad affrontare gli effetti dei cambiamenti climatici che in questi palmeti spesso si traducono in periodi di siccità”.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

COP22

Un futuro più verde in Marocco