ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Aria tossica: 600 mila bambini muoiono ogni anno


mondo

Aria tossica: 600 mila bambini muoiono ogni anno

Trecento milioni di bambini nel mondo, uno su sette circa, respirano aria tossica e di mala aria 600 mila muoiono ogni anno.
Il rapporto Unicef “Puliamo l’aria per i bambini”, mostra per la prima volta quanti bambini sono esposti all’inquinamento esterno e dove vivono in tutto il mondo.

Le aree più interessate sono quelle di Paesi a basso reddito, tra le altre c‘è il sud est asiatico, dove si trova il numero più alto di bambini a rischio, l’Africa el’area del Pacifico e dell’estremo oriente.

È chiaro che i bambini sono molto più sensibili all’inquinamento rispetto agli adulti.

Questa bimba vive in Mongolia e l’aria che respira lascia molto a desiderare:

“Quando vado a scuola, la mattina, c‘è sempre una sorta di nebbia. Nell’attraversare la strada, non posso dire se il semoforo è rosso o verde. E lo smog irrita la gola”.

L’Unicef invita tutti i Paesi a rispettare le linee guida globali sulla qualità dell’aria dettate dall’Organizzazione mondiale della sanità e per raggiungere questo obiettivo chiede di ridurre le combustioni di carburanti fossili e dare una propulsione alle energie rinnovabili.

Atra priorità è quella di ridurre al minimo l’esposizione dei bambini.

Le fonti di inquinamento come le industrie, si legge nel rapporto, non dovrebbero essere collocate vicino alle scuole e ai parchi giochi, mentre una migliore gestione dei rifiuti può ridurre la quantità di rifiuti bruciati all’interno delle comunità.

I dati vengono diffusi a una settimana dal via della conferenza sul clima Cop22 di Marrakesh, in Marocco, cui
l’Unicef chiede di prendere misure urgenti per ridurre l’inquinamento atmosferico.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Ucraina: online le dichiarazioni dei redditi di politici e funzionari. Patrimoni da capogiro