ULTIM'ORA

Lettura in corso:

In Brasile una pensione per gli elefanti


Sci-tech

In Brasile una pensione per gli elefanti

In partnership con

È stata inaugurata in Brasile la prima riserva per elefanti da circo in pensione dell’“America Latina”:http://www.bbc.com/news/world-latin-america-37663208. Si trova nella zona della Chapada dos Guimaraes a 65 km da Cuiabà, capitale del Mato Grosso, lo Stato occidentale del Paese che ospita il complesso del Pantanal, la più grande pianura allagabile del mondo.

I suoi due primi residenti sono Maia e Guida, due elefanti asiatici che hanno lavorato in un circo per tanti anni.

Lo statunitense Scott Blais, co-fondare un santuario simile nel Tennessee nel 1995, ha prestato la sua consulenza per questo nuovo parco.

SCOTT BLAIS, esperto di elefanti: “ Santuari cosi’ ridanno agli elefanti una nuova vita, ridanno loro uno spazio per ricrearsi, per prosperare. Questo significa soddisfare le loro necessità, dare alla natura quel che le spetta e fare di questo spazio il loro mondo”.

Il Brasile è stato scelto per i suoi spazi, è il paese piu’ vasto del Sudamerica. Per Junia Machado, presidente del Brasil Elephant Sanctuary, un gruppo locale che guida il progetto, la scelta dell’ubicazione è perfetta per due elefanti ultraquarantenni che devono recuperare dallo stress del circo.

JUNIA MACHADO, PRESIDENTE del BRAZIL ELEPHANT SANCTUARY:
“ Quest’area ha tutto ciò di cui gli elefanti hanno bisogno, salite, discese per potersi esercitare e per curare gli effetti degli anni di prigionia, la vegetazione è varia. Questo era un allevamento di bestiame 100 anni fa, vi sono la piante originarie di cui gli elefanti amano cibarsi”.

Gli esperti stimano che ci siano più di 50 elefanti in Sud America simili ai due reintrodotti qui. Trovare delle destinazioni a questi animali invecchiati in cattività non è facile. I loro habitat naturali sono sempre piu’ rari sia in Asia che in Africa dove un sondaggio su larga scala registra un allarmante calo del 30 per cento del numero degli individui fra il 2007 e il 2014.

La nostra scelta

Prossimo Articolo

Sci-tech

Hugh Herr ha domato il suo handicap