ULTIM'ORA

Lettura in corso:

Turchia: proteste e scontri dopo l'arresto dei sindaci di Diyarbakir


Turchia

Turchia: proteste e scontri dopo l'arresto dei sindaci di Diyarbakir

Scontri tra polizia e manifestanti a Diyarbakir, città a maggioranza curda nella Turchia sud-orientale, il giorno dopo l’arresto dei due sindaci da parte delle autorità di Ankara.
Una manifestazione di protesta è stata dispersa con gli idranti e una decina di persone sono state fermate dalla polizia.

Gultan Kisanak, ex parlamentare ad Ankara nel partito filo-curdo HDP e sindaco ufficialmente riconosciuto di Diyarbakir, è in carcere dalla serata di martedì, così come il co-sindaco, Firat Anli. Nella regione curda si eleggono sempre due sindaci per l’uguaglianza di genere, ma poi uno solo viene riconosciuto dallo Stato turco. I due sono accusati di connivenza con il terrorismo curdo.

Un’altra manifestazione si è svolta a Bursa, anche in questo caso con una decina di persone fermate, mentre non si registrano fermi a Istanbul, dove i cortei sono stati tre.

Gli arresti hanno suscitato le reazioni preoccupate dell’Unione europea e del Consiglio d’Europa, che ha chiesto alla Turchia, Paese membro, di fornire tutte le spiegazioni del caso.

Ogni storia può essere raccontata in molti modi: osserva le diverse prospettive dei giornalisti di Euronews nelle altre lingue.

Prossimo Articolo

mondo

Afghanistan: 30 civili rapiti e uccisi, sarebbe opera dell'Isil